Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Samele argento nella sciabola, la dura preparazione per arrivare così in alto

Attualità domenica 13 giugno 2021 ore 13:23

Il divieto di fumo all'aperto divide i fiorentini

Vietare il fumo nei giardini come segno di civiltà, ma non tutti gradiscono l'idea aprendo un nuovo dibattito sul tema già discusso in passato



FIRENZE — Il nuovo piano per la qualità dell'aria introdurrà il divieto di fumo all'aperto nei parchi ma anche alle fermate del trasporto pubblico, dopo una prima fase sperimentale scatteranno anche le sanzioni. Un divieto come segno di civiltà che continua però a dividere l'opinione pubblica.

L'assessore all'Ambiente Cecilia Del Re lo aveva annunciato a Gennaio ma la firma dell'ordinanza spettava al sindaco di Firenze, Dario Nardella. Sono trascorsi 6 mesi e adesso ci siamo.

Sull'ipotesi i fiorentini si erano già divisi ma il dibattito si è acceso nuovamente ora che il provvedimento potrebbe segnare l'estate post Covid.

Il nuovo "cambiamento culturale" tra i tanti proposti nella città di Firenze seguirebbe la lotta ai mozziconi di sigaretta abbandonati portata avanti negli ultimi anni dalla ex assessora all'Ambiente ed oggi vice sindaca Alessia Bettini.

Tra le reazioni c'è stata anche quella del presidente di Aduc, Vincenzo Donvito “Migliorare qualità dell’aria... questo dovrebbe accadere in un parco non consentendo ad un genitore, per esempio, mentre il proprio bimbo gioca nella specifica area di godersi il proprio vizio a margine della stessa area, o a chi si fa una passeggiata per conto proprio magari cercando un posacenere che non c’è, posacenere che invece ci sono in quasi tutti i bidoni sui marciapiedi. Strano concetto di “qualità dell’aria”, assolutamente non compromessa da chi fuma una sigaretta (ovviamente non addosso a chi non gradisce), concetto dove il limite tra propaganda/demagogia e realtà è indefinito".

Alcuni comuni italiani si sono mossi in questa direzione. Il Comune di Lastra a Signa ha anticipato tutti con una ordinanza del 2015 firmata dal sindaco Angela Bagni nella quale "E’ fatto divieto di fumare nelle aree destinate al gioco dei bambini nei giardini e nei parchi pubblici del territorio del Comune di Lastra a Signa. E’ altresì vietato l’abbandono di mozziconi dei prodotti da fumo sulle aree pubbliche e sulle aree soggette all’ uso pubblico" con sanzioni da un minimo di 25 ad un massimo di 500 euro.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una passeggera senza biglietto ha aggredito la capotreno. Il treno regionale si è fermato dopo essere partito dalla stazione di Santa Maria Novella
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport