Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:FIRENZE19°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 06 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Attualità venerdì 18 agosto 2017 ore 17:14

"I ventilatori? Speriamo non li diano a dicembre"

Servizio di Dario Pagli

Il comico Paolo Hendel al sopralluogo dei Radicali nel carcere di Sollicciano. Pronti 60 ventilatori contro il caldo ma serve il via libera della Asl



FIRENZE — I ventilatori tanto attesi sono arrivati nel carcere di Sollicciano a Firenze ma per l'installazione c'è ancora da aspettare il via libera della Asl e per alleviare il caldo torrido nelle celle ne servirebbero almeno duecento. Lo hanno detto i componenti della delegazione dell'associazione radicale 'Andrea Tamburi' che hanno incontrato detenuti e personale del penitenziario fiorentino. Presenti il cappellano del carcere Don Vincenzo Russo, il presidente della Camera penale di Firenze Eriberto Rosso, il consigliere di 'Firenze riparte a sinistra' Tommaso Grassi. A guidare la delegazione radicale il segretario del partito Rita Bernardini e Massimo Lensi dell''associazione Luca Coscioni. Con loro anche il comico Paolo Hendel che anche a Sollicciano non ha rinunciato alla sua ironia. Hendel ha infatti auspicato che "questi benedetti ventilatori non glieli diano a dicembre perché sennò invece di risolvere il problema del caldo faranno venire il raffreddore ai detenuti. Ci sono delle condizioni di caldo spaventose dentro questo carcere che è tutto in cemento e completamente esposto al sole".

"Sappiamo che i ventilatori della Regione sono arrivati - ha detto Massimo Lensi - e sono già dentro il carcere ma non sono attivi. Adesso siamo in attesa che la Asl dia l'autorizzazione per poterli usare e stili una graduatoria dei detenuti con problemi che ne hanno maggior bisogno di ventilazione. Abbiamo potuto constatare anche oggi che il caldo dentro il carcere è veramente torrido. Qui manca tutto, e mi chiedo come sia possibile in questo modo recuperare la dignità delle persone, e dare un senso a strutture come questa".

Dal sopralluogo sono emerse ancora una volta condizioni di vita difficili per i detenuti che mettono a rischio la finalità stessa del carcere.  "Più che fare un nuovo stadio a Firenze ci sarebbe da fare un nuovo carcere. Ma i fratelli Della Valle non credo che avranno molto interesse in questo - ha incalzato, ironizzando, Paolo Hendel - Si sbaglia moltissimo a pensare che il carcere non riguardi tutti noi. Ci si può capitare tutti nella vita e bisognerebbe fare di tutto perché in questi luoghi ci siano condizioni umane dignitose". "Quando uno viene condannato al carcere la sentenza non prevede la tortura e la sofferenza". ha concluso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Oltre agli attrezzi da scasso, due fermati avevano proprio feltrini e fascette. L'ipotesi di polizia è che servissero a contrassegnare gli obiettivi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Sport

Attualità

Attualità