Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, la sicurezza blocca Simone Biles: «Mi mostra il pass? Buona fortuna»

Attualità lunedì 07 novembre 2016 ore 16:45

Angeli del fango-carabinieri furiosi con Nardella

Gli ex allievi sottufficiali tornati per le celebrazioni costretti a pagare 3mila euro di tassa di soggiorno: "Il sindaco aveva promesso l'esenzione"



FIRENZE — Sono tornati per ricordare quando scesero nelle strade allagate di Firenze per aiutare nel salvataggio di vite e opere d'arte. L'accoglienza a loro riservata, però, li ha lasciati molto insoddisfatti. 

In una nota, gli allievi sottufficiali carabinieri del 59mo corso, fanno riferimento al comunicato diffuso dal Comune di Firenze a ottobre in cui, ricordano, si legge: “A proposito del raduno degli Angeli del fango, il sindaco Nardella ha anche annunciato che tutti coloro che saranno registrati come Angeli avranno uno speciale badge che consentirà loro di visitare gratuitamente i musei civici e di salire liberamente sui mezzi Ataf, nonché di essere esentati dalla tassa di soggiorno". 

I carabinieri che nel 1966 si trovavano a Firenze, tornati per la commemorazione dell'anniversario, hanno detto di aver chiesto "ovviamente spiegazioni all’albergo Mediterraneo dove hanno alloggiato; il Revenue Manager, Alessio Maggi, così ha risposto loro: “Ovviamente per me è ultra logico che dovete essere esenti da questa imposta! Purtroppo però dobbiamo avere la comunicazione dal Comune scritta; in merito a Firenze Convention Bureau, abbiamo ricevuto anche noi comunicazione, ma per le sole prenotazioni arrivate tramite loro, in questo caso FCB si farà carico della tassa di soggiorno".

Nella nota, gli angeli del fango, sostengono che "per il sindaco esistono angeli del fango di serie A (quelli che hanno prenotato tramite gli amici del Sindaco/Firenze Convention Bureau) e quelli di serie B, ovvero i carabinieri del 59° corso. Nonostante sapessero, da ben 3 anni, che venivano a Firenze in circa 160, li hanno fatto pagare… e non poco!"

“Nei precedenti decennali dell’Alluvione – ha detto il coordinatore Liberatore Francesco Memoli che il 4 novembre era nel Salone dei Cinquecento per raccontare la sua testimonianza -  noi Allievi Sottufficiali di allora non siamo stati mai ricordati da nessuno, istituzioni comprese, e per questo, per il 50mo, quando ormai potrebbe essere l'ultima occasione per molti di noi, abbiamo sentito forte il desiderio di esserci, in quanto, avendo vissuto per un anno nella storica scuola di Piazza Stazione, ci siamo sentiti fiorentini anche noi, sia pure pro tempore, e per questo siamo stati anche fiorentini alluvionati. In più, abbiamo assicurato aiuto alla popolazione, vigilato sulla città, specialmente di notte, oltre a rimettere in sesto anche la stessa Scuola, che subì notevoli danni. Noi siamo tornati a Firenze non con lo spirito di Sottufficiali, ma come allievi alluvionati, con la specifica intenzione di rivivere e gustare di nuovo quei momenti che abbiamo vissuto in maniera molta intensa 50 anni fa. Di certo non ci aspettavamo che il Sindaco ci prendesse così in giro, facendo annunci urbi et orbi di una grande accoglienza per gli ex Angeli del Fango, mentre noi, per esserci, abbiamo dovuto pagare, e nonostante questo non ci ha né accolti né incontrati”.

La richiesta ora è che il Comune rimborsi i tremila euro spesi per la tassa di soggiorno. Non solo: gli allievi sottufficiali chiedono anche che "la magistratura, come il Consiglio comunale, intervenga per vedere se ci sono responsabilità penali, avendo preteso una tassa comunale di cui invece era stata decisa l'esenzione per tutti". 

Le proteste non si fermano qui. Al centro delle polemiche ci sono anche le lettere e le raccomandate a cui "il sindaco non ha mai risposto né per telefono né per email", la visita di una delegazione nell'ottobre 2015 a cui, dicono, il sindaco non si è presentato e la richiesta di essere essere esentati dal pagamento del biglietto per la visita ai musei comunali. Ma, si legge nella nota, "gli hanno risposto di no, per poi scoprire, dopo alcuni giorni, che invece tutti gli ex Angeli avevano ingresso libero ai musei comunali"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Non sono scampati ai posti di blocco. I carabinieri si sono appostati in punti strategici per controllare il tasso alcolico sulle strade della movida
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità