Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:FIRENZE15°24°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei Atletica, Italia oro nella 4x100 maschile: la gara

Attualità giovedì 05 luglio 2018 ore 16:25

Giovani e beni comuni, quattro progetti sul podio

Sono quattro i progetti che Firenze e il Mugello hanno vinto i finanziamenti del bando promosso da Cesvot e Regione Toscana



FIRENZE — Sono quattro i progetti che sono saliti sul podio nell'area fiorentina nell'ambito del progetto 'Giovani e beni comuni'. Si tratta di un percorso interculturale che coinvolga i richiedenti asilo a Borgo San Lorenzo, un giardino da recuperare nel Comune di Marradi, un lavoro di scoperta di tesori sconosciuti sul territorio di Scandicci e una rete di associazioni, strutture commerciali e ricettive e enti pubblici per valorizzare il territorio di Pelago.

Il progetto, promosso da Cesvot e finanziato da Regione Toscana – Giovanisì, in accordo con il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, attraverso un finanziamento complessivo di 140mila euro, permette a 98 associazioni di volontariato della Toscana di recuperare e restituire alla collettività beni immobili dismessi, giardini e spazi abbandonati ma anche memorie, tradizioni e saperi andati perduti.

Nello specifico, a Pelago, un insieme di associazioni e gruppi giovanili hanno presentato insieme un progetto che ha l'obiettivo di creare una mappa dei tesori, materiali e immateriali del territorio. A proporre l'idea è stato il 'Gruppo Perché No' per dare il via a una reale interazione tra associazioni, enti pubblici e strutture commerciali e ricettive del territorio.

A Scandicci, invece, l'Auser ha proposto la scoperta di tesori poco conosciuti del territorio. Una lista lunga: da Villa Poccianti, prima sede del comune di Casellina e Torri a Villa, dimora dello scrittore, poeta e drammaturgo britannico David Herbert Lawrence, da Villa Le Melarance dove Giorgio La Pira elaborò una bozza della nostra Costituzione fino a Pieve di San Giuliano a Settimo, una delle chiese più antiche.

Il giardino del Popolano è invece al centro del progetto della protezione civile di Marradi. Si tratta di un luogo oggi in abbandono nel quale bambini, giovani e meno giovani potrebbero ritrovarsi e “fare comunità”. Già nei mesi scorsi il Comune ha presentato un progetto per un bando europeo in modo da garantire la copertura del wifi pubblico gratuito.

E poi c'è il progetto “Mio-tuo-suo-nostro” a Borgo San Lorenzo, un percorso interculturale che si rivolge ad un gruppo di giovani del territorio e ad un gruppo di richiedenti asilo ospiti dei centri d’accoglienza. Prima ci sarà una fase di confronto guidata da un antropologo e poi una fase operativa in cui il gruppo inizierà a prendersi cura di un luogo preciso, abitualmente vissuto e spesso lasciato in condizioni di degrado da giovani sia italiani che stranieri, realizzando piccoli interventi di manutenzione e iniziative di sensibilizzazione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' un altocumulo lenticolare la nuvola avvistata ieri in più parti della regione e immortalata dal popolo social. Ecco le immagini più suggestive
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità