Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE18°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Attualità sabato 20 febbraio 2021 ore 15:35

L'Accademia riparte dagli strumenti

strumenti musicali in mostra

La Galleria fiorentina è chiusa, ma dietro le quinte si lavora per riaprire il dipartimento degli strumenti musicali. Aspettando il pubblico



FIRENZE — La Galleria dell'Accademia riparte dagli strumenti musicali. Attualmente chiusa, dietro le quinte si lavora per riaprire il dipartimento dedicato. Da lunedì 22 partono i cantieri per l'apertura di una porta che metterà in comunicazione gli ambienti delle sale dedicate alle mostre temporanee con il dipartimento degli Strumenti Musicali. 

Aspettando di poter riaprire al pubblico: ''Siamo pronti ad accogliere il nostro pubblico e non vediamo l'ora di farlo - sottolinea Cecilie Hollberg, direttore del museo - ma in questa attesa forzata, a causa delle disposizioni dovute alla pandemia, non ci fermiamo e ci stiamo preparando per rendere ancora più funzionale il nostro museo. Stiamo realizzando un nuovo percorso di visita che dalle stanze che adesso accolgono i dipinti dei maestri del Quattrocento e del primo Cinquecento, prima nella Sala del Colosso, conduce direttamente al dipartimento degli Strumenti Musicali, grazie a un varco che stiamo ripristinando".

Il dipartimento degli Strumenti Musicali, inaugurato nel 2001 e non visibile ormai da quasi un anno, ospita la collezione del conservatorio Luigi Cherubini di Firenze con circa cinquanta strumenti musicali provenienti dalle collezioni private dei granduchi di Toscana, i Medici e i Lorena, databili tra la seconda metà del secolo XVII e la prima metà del XIX. La collezione annovera eccellenze come la viola tenore e il violoncello di Antonio Stradivari, entrambi parte del quintetto realizzato nel 1690 per il Gran Principe Ferdinando de' Medici, un violoncello Niccolò Amati del 1650, una spinetta ovale e un clavicembalo in ebano, entrambi costruiti da Bartolomeo Cristofori. 

Un pezzo unico nel suo genere è il Salterio, costituito in tutte le sue parti da qualità diverse di marmo. In queste sale sono esposti anche dipinti di autori come Anton Domenico Gabbiani e Bartolomeo Bimbi, che rappresentato la vita musicale alla corte in quegli stessi anni. Generalmente è possibile ascoltare i suoni degli strumenti musicali esposti attraverso delle postazioni multimediali, ma al momento, causa Covid, si possono apprezzare attraverso il sito della Galleria.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio innescato da una lite per antiche ruggini, poi degenerata. La vittima è rimasta ferita, il suo aggressore è stato denunciato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

CORONAVIRUS