Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:05 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 27 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il centro di Catania scomparso sotto la forza dell'acqua

Attualità giovedì 17 giugno 2021 ore 15:46

Flash mob contro la cordonatura anti-movida

Foto di Massimo Lensi

"Toppa peggiore del buco, indecorosa e degradante" così i manifestanti che hanno organizzato un flash mob contro l'installazione dei paletti



FIRENZE — Un flash mob contro la cordonatura del sagrato di Santo Spirito è stato organizzato nell'Oltrarno fiorentino dall'associazione Progetto Firenze con i consiglieri Antonella Bundu, Dmitrij Palagi, Giorgio Ridolfi e Francesco Torrigiani, il critico d'arte Tomaso Montanari e Laura Lombardi, storica dell'arte, docente all'accademia di Belle Arti di Brera e residente in Santo Spirito. Il cordonato è stato completato nelle ultime ore.

Una protesta contro la decisione della Giunta di Firenze di recintare il sagrato della basilica.

I manifestanti hanno spiegato "Una proprietà pubblica, una piazza pubblica, in cui la residenza vede ormai tutto lo spazio già “privatizzato” dai locali adesso abbiamo la novità della cordonatura anti-movida. Astraendo dalla complessità dei problemi un solo dettaglio, si fa finta di risolverlo, creando ulteriori problemi e spostandolo altrove: per di più mostrando tutta la cattiveria che si poteva tirar fuori, con piattaforme pericolose per gli spigoli aguzzi. Si insiste a non voler rendere i bagni gratuiti, nonostante l’emergenza sanitaria e pandemica: per anche solo lavarsi le mani, o per cambiarsi un assorbente, occorre consumare o pagare. Si tratta di un messaggio di chiusura, negativo e di cui il Sindaco deve rispondere a tutta la cittadinanza".

Tomaso Montanari ha aggiunto "Appare come una misura simbolica, perché questi cordoni per essere efficaci avranno bisogno di un costante apparato di repressione, ed è un simbolo del peggio: una città proibita, una città solo mercato e merce, nessuno spazio per i corpi, proprio nel momento in cui i corpi speravano di riprendersi la città".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il giovane scooterista è stato trasportato in ospedale in codice rosso. Via Aretina è rimasta chiusa per circa due ore per soccorsi e rilievi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità