Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE20°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 23 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Tanti auguri Presidente», ecco il videomessaggio dell'Italia Team per il compleanno di Mattarella

Attualità giovedì 17 giugno 2021 ore 15:46

Flash mob contro la cordonatura anti-movida

Foto di Massimo Lensi

"Toppa peggiore del buco, indecorosa e degradante" così i manifestanti che hanno organizzato un flash mob contro l'installazione dei paletti



FIRENZE — Un flash mob contro la cordonatura del sagrato di Santo Spirito è stato organizzato nell'Oltrarno fiorentino dall'associazione Progetto Firenze con i consiglieri Antonella Bundu, Dmitrij Palagi, Giorgio Ridolfi e Francesco Torrigiani, il critico d'arte Tomaso Montanari e Laura Lombardi, storica dell'arte, docente all'accademia di Belle Arti di Brera e residente in Santo Spirito. Il cordonato è stato completato nelle ultime ore.

Una protesta contro la decisione della Giunta di Firenze di recintare il sagrato della basilica.

I manifestanti hanno spiegato "Una proprietà pubblica, una piazza pubblica, in cui la residenza vede ormai tutto lo spazio già “privatizzato” dai locali adesso abbiamo la novità della cordonatura anti-movida. Astraendo dalla complessità dei problemi un solo dettaglio, si fa finta di risolverlo, creando ulteriori problemi e spostandolo altrove: per di più mostrando tutta la cattiveria che si poteva tirar fuori, con piattaforme pericolose per gli spigoli aguzzi. Si insiste a non voler rendere i bagni gratuiti, nonostante l’emergenza sanitaria e pandemica: per anche solo lavarsi le mani, o per cambiarsi un assorbente, occorre consumare o pagare. Si tratta di un messaggio di chiusura, negativo e di cui il Sindaco deve rispondere a tutta la cittadinanza".

Tomaso Montanari ha aggiunto "Appare come una misura simbolica, perché questi cordoni per essere efficaci avranno bisogno di un costante apparato di repressione, ed è un simbolo del peggio: una città proibita, una città solo mercato e merce, nessuno spazio per i corpi, proprio nel momento in cui i corpi speravano di riprendersi la città".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un fiore all'occhiello dell'urbanistica fiorentina di inizio Novecento, il giardino è dedicato alla memoria del giudice Antonino Caponnetto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Lavoro

Attualità