QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 10° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 09 dicembre 2019

Attualità venerdì 06 ottobre 2017 ore 11:39

Festa per il primo restauro grazie all'Art Bonus

La chiesa di San Filippo Neri, all'interno del complesso di San Firenze

Il primo caso di utilizzo dell'Art Bonus a Firenze ha portato al restauro della Pala Puglieschi, della chiesa di San Filippo Neri



FIRENZE — Sabato 7 ottobre ore 18, dopo nove mesi di lavoro, ci sarà celebrato il completo restauro della Pala Puglieschi posta sopra all'altare maggiore della chiesa di San Filippo Neri, commissionato dalla signora Beatrice Mazzego, cui seguirà, alle19, la celebrazione religiosa.

“Si tratta del primo esempio di utilizzo dell'Art Bonus da parte di un privato. Il restauro – ha spiegato la presidente della Commissione cultura Maria Federica Giuliani – è stato completamente finanziato da Beatrice Mazzego, fiorentina, ex dipendente del Ministero dei beni e delle attività culturali, che si è avvalsa della legge denominata Art Bonus ed è la prima cittadina che, da sola, ha effettuato un restauro di importo superiore a 5000 euro, ben 28542 euro per l'esattezza, non essendo imprenditrice o facente parte di associazioni. Il restauro – aggiunge la presidente Giuliani – è un atto di devozione in ricordo dei suoi familiari ed un regalo alla collettività. Sicuramente grazie a questo primo intervento bisognerà sollecitare il Ministero affinché le contribuzioni dei privati siano agevolate maggiormente”.

Il dipinto restaurato da Guglielmo Colonna, scelto direttamente da Beatrice Mazzego, rappresenta “L’Immacolata Concezione e i Santi Carlo Borromeo, Filippo Neri, Ignazio di Loyola, Francesco di Sales, Teresa d’Avila, e la Beata Umiliana de’ Cerchi”. Dipinto da Antonio Puglieschi (1660 – 1732), misura cm 580X340 ed è situato sull’altare maggiore della chiesa di San Firenze. Per le sue dimensioni e per la collocazione nella nicchia d’altare il dipinto ha richiesto delicate operazioni di rimozione e ricollocazione. 

Nonostante ad una prima visione il dipinto si presentasse in discrete condizioni conservative, la messa a terra e la diagnostica hanno rivelato precedenti interventi grossolani di “riparazioni”. Si è reso necessario lo smontaggio dal telaio per un’accurata pulitura e consolidamento del supporto tessile, conservando il dipinto in prima tela. La pulitura della superficie pittorica eseguita in due tempi, per la rimozione dello sporco e per la rimozione delle vernici ossidate, ha liberato la reale cromia. L’integrazione pittorica condotta in maniera discreta e non invasiva, contribuisce all’attuale visione del dipinto. Le parti lignee, il telaio e la cornice, oltre alla pulitura e ad una disinfestazione preventiva da insetti xilofagi,sul primo si sono effettuate modifiche per distanziarlo dalla tela, alla seconda ricostruzione di parti mancanti. 



Tag

Manovra, Boschi: «Lavoreremo per eliminare del tutto sugar tax»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità