Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Approvata legge di bilancio in Cdm, c'è stato applauso. Soddisfatti del provvedimento»

Attualità mercoledì 26 luglio 2017 ore 17:55

E' guerra alla buche e alle transenne

Il Comune di Firenze per dire basta alle buche mette sul piatto 30 milioni di euro in 3 anni. Ecco il maxi bando del global service



FIRENZE — Questo il maxi bando del global service che Palazzo Vecchio lancerà a fine agosto. Un progetto per la manutenzione delle strade e dell'arredo urbano della città. Un cambiamento profondo per la manutenzione delle strade cittadine. Dopo l'esperimento effettuato negli anni scorsi nei Quartieri 2 e 5, adesso è arrivato il momento del Global Service per l’intera rete stradale. Il bando per l’affidamento della manutenzione, un appalto di almeno 30 milioni di euro in tre anni della rete viaria cittadina sarà pubblicato ad agosto in modo da partire con il servizio la prossima primavera. 

Questa mattina il sindaco Dario Nardella insieme all’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti ha presentato le principali novità di questo strumento. Presenti anche i presidenti dei Quartieri Maurizio Sguanci, Michele Pierguidi, Alfredo Esposito, Mirko Dormentoni e Cristiano Balli. 

“Stiamo per avviare una vera e propria rivoluzione nell’ambito della manutenzione stradale – ha dichiarato il sindaco Nardella –. Entro agosto lanceremo il bando per questo nuovo servizio che sarà operativo su tutti gli oltre 1.000 chilometri lineari di strade, in tutti i Quartieri".

Il bando mette in gara una serie di servizi che riguardano la rete viaria cittadina. "Il primo passo - ha spiegato l'assessore Giorgetti - una ricognizione dello stato della situazione delle strade cittadine e tutti i dati andranno a costituire una vera e propria banca dati informatizzata sulla rete viaria: avremo quindi il catasto delle strade e il catasto della segnaletica". 

"Allo stesso tempo - continua Giorgetti - saranno effettuati i censimenti delle opere d’arte, ovvero i ponti, i viadotti, i sottopassi in modo da avere il quadro conoscitivo completo. Poi sulla base di queste informazioni saranno programmate le manutenzioni, ordinarie e straordinarie, sulla base delle priorità di intervento". 

Alla manutenzione programmata si aggiungono poi gli interventi di ripristino in caso di emergenza: sulla base delle segnalazioni pervenute al call center dedicato saranno attivate h24 e 365 giorni all’anno le procedure del Pronto Intervento in caso di problematiche di sicurezza che prevede l’attivazione delle squadre entro 45-60 minuti a seconda che si tratti di viabilità primaria o secondaria. 

"E se la segnalazione non presenti elementi di pericolosità per la circolazione, la riparazione sarà comunque effettuata il un lasso di tempo che va da 5 a 30 giorni”, ha concluso Giorgetti.

Dal punto di vista normativo il Global Service è “un contratto riferito a una pluralità di servizi sostitutivi delle normali attività di manutenzione con piena responsabilità sui risultati da parte dell’assuntore”. 

Il committente, in questo caso l’Amministrazione comunale, definisce i risultati attesi nel capitolato tecnico senza entrare nel merito delle modalità esecutive per il loro raggiungimento. Da parte sua l’appaltatore garantisce il raggiungimento dei risultati pattuiti agendo da coordinatore unico delle attività, con piena autonomia decisionale e responsabilità sulle azioni da adottare.

In sostanza l’Amministrazione affiderà all’appaltatore per un periodo individuato in tre anni (rinnovabile di ulteriori tre anni) la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria nonché degli interventi di riparazioni d’emergenza di tutta la viabilità comunale.

Il soggetto affidatario sarà quindi responsabile delle attività di pianificazione, programmazione, progettazione, organizzazione, direzione ed esecuzione delle attività. All’Amministrazione spetta il ruolo di supervisione e controllo che sarà eseguito da una task force tecnica dedicata.

L’oggetto dell’appalto è la rete stradale cittadina che si estende per 1.090 chilometri così suddivisi: Quartiere 1 180,09 chilometri (16,53%), Quartiere 2 228,56 chilometri (20,97%), Quartiere 3 173,75 chilometri (15,95%), Quartiere 4 203,55 chilometri (18,68%), Quartiere 5 303,69 chilometri (27,87%). 

In concreto il contratto riguarderà la manutenzione di quelli che vengono definiti “elementi stradali”. Quindi: carreggiate stradali e banchine; piazze e loro parti interne pavimentate; marciapiedi, percorsi ed aree pedonali; piste ciclabili e percorsi pedociclabili; aree di parcheggio in superficie; pavimentazioni di ogni tipologia; corpo stradale, sottofondi, rilevati; segnaletica stradale orizzontale, verticale ed elementi accessori e complementari; sistema di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche; opere d’arte stradali (opere di sostegno, viadotti, ponti, sottopassi e sovrappassi, gallerie); manufatti minori (muretti, cordoli, aiuole spartitraffico, isole, ringhiere, parapetti); scarpate e pendii stradali; barriere stradali di protezione e fonoassorbenti; arredo urbano.

Dal punto di vista operativo, quindi, il gestore del Global Service lavorerà su due filiere di intervento parallele: quelle relative alla sicurezza e quelle invece di manutenzione/miglioramento della rete viaria. La prima filiera viene attivata sia in caso di emergenze (tramite Pronto Intervento con obbligo di intervento entro 45-60 minuti e ripristino immediato con lavori h24) sia in caso di segnalazioni (che nel caso non siano rilevate problematiche di sicurezza il ripristino dovrà essere effettuati in un periodo dai 5 ai 30 giorni sulla base della priorità stabilita sulla base di parametri tecnici). 

La seconda invece viene attivata tramite la programmazione degli interventi sulla base sia dei monitoraggi effettuati dalle squadre del Global Service. Molto importante anche il servizio di sorveglianza previsto dal capitolato su strade, ponti e via dicendo. Dopo il censimento iniziale, i tecnici effettueranno una sorveglianza puntuale sulle strade (per la viabilità primaria 2 volte la settimana, per la viabilità secondaria una volta la settimana). 

Ogni due anni è previsto inoltre il monitoraggio delle pavimentazioni e della segnaletica mentre quello sui ponti avverrà una volta all’anno.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il rinnovo automatico riguarda gli stalli nelle zone blu promiscue di Zcs. Ecco fino a quando rimangono validi i permessi e che fare se si cambia casa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca