Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:10 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 29 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Migranti: 10 anni di errori, ipocrisie, propaganda e il falso problema delle Ong

Attualità martedì 07 dicembre 2021 ore 10:38

Covid, test e vaccini su irregolari e senza dimora

Circa 1.200 cittadini in gravi condizioni sociali e abitative saranno sottoposti a test di screening ed avviati al percorso di vaccinazione



FIRENZE — La Asl Centro si prepara a lanciare da Gennaio la Sorveglianza Epidemiologica del Covid nelle popolazioni difficili da monitorare per controllare la diffusione del Covid e dell’epatite B e C nelle persone che non hanno una regolare assistenza sanitaria. 

L'obiettivo è sottoporre in un anno e mezzo a test di screening circa 1.200 cittadini in gravi condizioni sociali e abitative, tra cui i senza fissa dimora e senza tetto, gli stranieri irregolari, i Rom, i sex workers di strada, i tossicodipendenti e gli psichiatrici senza abitazioni fisse. Persone a rischio per la propria salute e per quella della collettività.

Test rapidi per identificare possibili casi non riconosciuti di Covid e di Epatite B e C. Quelli positivi al test del Covid, sono avviati all’isolamento in Albergo Popolare o agli alberghi sanitari di Firenze, quelli positivi al test per epatite B e C sono accompagnati all’ambulatorio MASVE dell’AOU di Careggi per approfondimenti e cure con farmaci efficaci. Chi risulta negativo è invitato a vaccinarsi contro il Covid. E saranno le stesse Associazioni di strada a facilitare il percorso vaccinale, grazie anche al progetto ICARE coordinato a livello regionale dal Centro di Salute Globale del Meyer e gestito nell’Asl Toscana centro dal servizio di Igiene fiorentino, utilizzando traduttori di più lingue e trasporti ai centri vaccinali.

A Firenze lo screening è già partito, in stretto collegamento con le attività per l’emergenza freddo organizzate da Dicembre dal Comune di Firenze e dalla Società della Salute, da Gennaio l’attività si estenderà anche sull’area metropolitana tra Prato, Pistoia ed Empoli.

Il progetto è arrivato primo tra i molti partecipanti al bando lanciato dalla Regione Toscana per l’emergenza Covid. E’ coordinato dall’ufficio di Epidemiologia ed è condotto sul campo dalle Associazioni di strada che hanno una lunga esperienza nei contatti con soggetti difficili: Croce Rossa Italiana di Firenze, MEDU-Medici per i diritti umani, CAT-Cooperativa Sociale, Ambulatorio Stenone, Anelli Mancanti, Fondazione Bartolomei Corsi, CISOM-Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta. In campo anche il team dell’Ambulatorio MASVE dell’AOU di Careggi e l’Agenzia regionale di sanità della Toscana (ARS).

“Con queste iniziative - afferma Francesco Cipriani, direttore del servizio di Epidemiologia della Asl Toscana centro e responsabile scientifico del progetto - si rafforza lo scudo protettivo della rete anti-Covid, mettendo in sicurezza settori della popolazione che hanno oggettive difficoltà a mantenere comportamenti adeguati alla situazione pandemica”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Segnalate diverse autovetture danneggiate che non sarebbero state aperte, all'interno dell'abitacolo sarebbero stati rinvenuti dei pallini
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità