Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 28 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella: «Il vaccino è un dovere morale e civico»

Attualità mercoledì 04 settembre 2019 ore 09:10

Conti correnti, scattano i controlli sui contanti

Le nuove norme antiriciclaggio prevedono monitoraggi e successive segnalazioni alla Banca d’Italia per i movimenti in contante sui conti correnti



FIRENZE — La soglia limite è di 10mila euro. Da Settembre 2019 scattano nuove regole con l'obiettivo di rilevare eventuali violazioni, "Banche, Poste italiane, finanziarie, istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica dovranno comunicare mensilmente alla Banca d’italia e più precisamente all’UIF, Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia, i movimenti in contante di importo pari o superiore a 10.000 euro effettuati nel corso di ogni mese solare anche attraverso operazioni frazionate di importo pari o superiore a 1.000 euro" ha ricordato l'Associazione fiorentina Aduc attraverso una nota diramata in mattinata.

Come funziona il nuovo sistema? Lo ha spiegato Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo "La rilevazione è effettuata tramite le cosiddette “comunicazioni oggettive”, comunicazioni telematiche che vanno inviate a partire dal primo giorno del mese successivo a quello di riferimento ed entro il 15 del secondo mese successivo. La prima comunicazione sarà effettuata entro il 15 settembre con riferimento ai mesi di aprile maggio giugno e luglio. I dati saranno utilizzati per la verifica di operazioni sospette e per valutazioni in merito ad eventuali attività di riciclaggio o finanziamento al terrorismo.

Sabelli ha precisato che "Le operazioni cosiddette sospette sono già oggetto di segnalazione obbligatoria, possono essere di varia natura quali versamenti, bonifici e non per forza collegate a movimenti in contante. Non è detto, infatti, che una comunicazione oggettiva riguardi una operazione sospetta, ed anzi il collegamento può essere escluso quando i movimenti non sono collegati ad altre operazioni che facciano desumere operazioni sospette o non sono effettuati da clienti ad elevato rischio di riciclaggio.
E’ evidente quindi come le valutazioni siano complesse, non prevedibili nel dettaglio, con il coinvolgimento soprattutto di ditte e aziende ma anche di privati, in un’ottica prevalentemente anti-riciclaggio ma probabilmente anche anti-evasione fiscale, visto che nelle sue indagini e valutazioni l’UIF potrà avvalersi della Guardia di Finanza".

Infine "Per quanto riguarda i contanti esiste da anni un limite a quelli utilizzabili per i pagamenti, attualmente di 3.000 euro, sempre nell’ambito delle norme antiriciclaggio. Questa soglia non riguarda i prelievi in contante dal conto corrente, che, stante l’obbligo di segnalazione già detto, rimangono liberi" ha concluso la responsabile Aduc.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'anziana signora ha chiamato la centrale operativa dicendosi sola in casa, così una pattuglia è andata a trovarla e hanno fatto merenda insieme
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità