Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:14 METEO:FIRENZE14°25°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 06 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Stati Uniti, donna ammanettata nell'auto della polizia travolta da un treno merci

Attualità giovedì 09 dicembre 2021 ore 16:34

Consiglio comunale decisivo per Costa San Giorgio

La trasformazione urbanistica della ex Caserma Vittorio Veneto di Costa San Giorgio sarà discussa nella assembla in programma a Palazzo Vecchio



FIRENZE — Il progetto di riqualificazione della ex Caserma Vittorio Veneto di Costa San Giorgio, tra Ponte Vecchio e Giardino di Boboli, arriva in Consiglio comunale con la discussione della variante urbanistica.

Lunedì sarà interessante ascoltare gli interventi sull’operazione di Costa San Giorgio" a dirlo sono stati i consiglieri Antonella Bundu e Dmitrij Palagi con i colleghi del Quartiere 1 Francesco Torrigiani e Giorgio Ridolfi. "Questa variante può ancora essere bloccata in Consiglio comunale, e si tenga conto della tantissime persone che sono venute al Consiglio aperto a dire “no” al resort, e a questa gestione della città" hanno sottolineato Palagi, Bundu, Torrigiani e Ridolfi.

Nelle ultime settimane il dibattito ha subito una accelerazione con il sopralluogo della Commissione urbanistica e l'audizione dell'Associazione Idra che per anni ha promosso l'apertura di un Laboratorio di partecipazione sulla trasformazione dell'immobile, salvo poi adottare un percorso sperimentale autogestito tra incontri pubblici e visite culturali. Tra le associazioni che sono intervenute sulla trasformazione che interessa la collina panoramica anche Progetto Firenze.

"Arriviamo al prossimo Consiglio comunale - hanno aggiunto Bundu e Palagi - forti dell'incontro aperto alla cittadinanza un paio di giorni fa, con il Quartiere 1 che ha potuto ascoltare un lungo elenco di interventi tutti contrari alla variante che ci sta proponendo la maggioranza. Si sono levate voci autorevoli e voci di cittadini comuni, tutte critiche verso la visione e l'idea di città che ha la Giunta, e sul ruolo che il privato possa avere nelle trasformazioni urbanistiche della città. Le risposte riportano al solito tormentone: il resort è stato venduto nel 2002, è colpa delle giunte precedenti, del Demanio, della Sovrintendenza, era l’Ateneo che doveva acquistarlo, è l’Europa che ce lo ha chiesto... e la solita retorica che “stiamo eliminando i buchi neri che ci sono in città”. Ma chi li ha creati quei buchi neri, le giunte precedenti? E perché a problemi pubblici si ritiene accettabile che si trovino risposte private? Possibile che tra una caserma militare preclusa, un buco nero e un resort di lusso esclusivo non ci siano alternative?" hanno concluso i condsiglieri.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un giovane di 20 anni è stato arrestato dai carabinieri che sono intervenuti in soccorso di una giovane aggredita nel centro storico di Scandicci
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità