comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:50 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 23 novembre 2020
corriere tv
Covid, Conte: «Niente vacanze sulla neve a Natale. Non possiamo permetterci una terza ondata»

Attualità sabato 21 novembre 2020 ore 19:05

Città divisa sulle luminarie nell'anno del Covid

Il Natale nell'anno del Covid divide i fiorentini anche davanti alle luminarie allestite nelle strade commerciali con il contributo di Palazzo Vecchio



FIRENZE — Il Natale 2020 segnato dalla pandemia da Coronavirus si è aperto tra le polemiche social per le luminarie accese a negozi quasi completamente chiusi, fatta eccezione per gli alimentari e le attività autorizzate all'apertura nonostante la zona rossa. 

Il Comune di Firenze ha offerto un contributo agli esercenti per illuminare 13 strade in centro e 14 in periferia, ma i fiorentini si sono divisi tra chi ha riconosciuto il valore della tradizione e l'importanza di dare un segnale di speranza e chi avrebbe preferito riaprire i negozi, dando un altro segnale usando il buio come protesta.

L'assessore Federico Gianassi che detiene le deleghe a bilancio e sviluppo economico ha commentato "L'avevamo detto: non sarà il Natale dello sfarzo ma non può essere nemmeno il Natale del buio. Ovviamente rispettiamo chi in un anno come questo ha deciso di non illuminare. Noi però volevamo aiutare quei negozi che non vogliono rinunciare alle luci ma in un anno così difficile non potevano farcela da soli".

Il primo a mettere le mani avanti sulle critiche all'accensione delle luci di Natale era stato il sindaco Dario Nardella che durante una diretta su Radio Rai aveva detto "Qualcuno mi ha criticato invitando ad usare i soldi delle luminarie per aiutare le imprese".

Qualche sussurro mediatico c'era stato davanti alle prime lampadine a led ma è stato con la parata di via Tornabuoni che i social si sono scatenati.

Il presidente di Confartigianato Firenze, Alessandro Sorani ha commentato "Secondo noi le luci di Natale non si possono spegnere proprio ora, nell’anno più buio della nostra storia. Viviamole come una stella cometa, che ci guarda e ci guida verso una tanto attesa primavera di rinascita".

Dal mercato centrale di San Lorenzo a Borgognissanti, da Peretola a via Maggio, da Novoli a piazza Dalmazia, da via Gioberti al Galluzzo, da via Cavour a via Doni, dalle Cure a via Centostelle, da San Jacopino a Piazza Pier Vettori ci sarà chi alzerà gli occhi al cielo e chi storcerà il naso.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità