Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:36 METEO:FIRENZE20°34°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 08 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nel savonese: notte da incubo ad Albenga, case bruciate ed evacuati. Chiuso l'aeroporto

Attualità sabato 04 dicembre 2021 ore 17:30

Chiavi della città al cappellano nei reparti Covid

La consegna delle chiavi della città
La consegna delle chiavi della città

Don Ignacio Carbajosa non ha esitato a lasciare la sua docenza universitaria per dedicarsi ai malati di Sars-Cov-2 dell'ospedale di Madrid



FIRENZE — Ha lasciato la sua docenza universitaria per dedicarsi ai malati di Covid-19 nelle corsie dell'ospedale di Madrid di cui è cappellano: per questo a padre Ignacio Carbajosa sono state consegnate oggi le chiavi della città di Firenze da parte del sindaco Dario Nardella in una cerimonia a Palazzo Vecchio nell’ambito dell’XI edizione di ‘All'origine della gratuità’, manifestazione promossa da VolToNet, Misericordia di Firenze e CdO Toscana in collaborazione con Cesvot e Fondazione CR Firenze per riflettere sul valore della gratuità e del volontariato.

“La testimonianza di Don Ignacio Carbaiosa tocca il cuore di tutti noi – ha detto il sindaco  -. Una storia dolorosa, struggente di un prete semplice che ha passato i mesi più duri nelle corsie dell’ospedale di Madrid. Abbiamo bisogno di ascoltare queste persone per capire cosa abbiamo ancora di fronte e per riconoscere lo sforzo di tutti nel combattere questo virus". 

"La storia di Don Ignacio - ha aggiunto Nardella - vale più di mille appelli ai no vax, perché guardiamo con gli occhi quello che è successo. Faccio mie le sue parole e mi auguro che la sua testimonianza possa far aprire gli occhi a tante persone che si rifiutano di vedere cosa è successo e cosa sta succedendo”.

Teologo, ordinario di Antico Testamento all’Università San Damaso, cappellano dell’ospedale di Madrid e autore del testo Testimone privilegiato, padre Ignacio ha vissuto cinque settimane in un ospedale tra i malati di Covid. Queste le motivazioni del riconoscimento: “Per aver scelto di mettere a servizio dei più fragili la sua opera all'interno degli ospedali durante il periodo della pandemia, rinunciando alla sua primaria attività in Università e per aver scelto di rendersi testimone di tanta sofferenza lasciando spazio alla speranza”.

Il conferimento si è svolto nel Salone dei Cinquecento alla presenza tra gli altri dell’assessora al welfare Sara Funaro, di Luigi Paccosi presidente di VolToNet, di Giovangualberto Basetti Sani provveditore della Misericordia di Firenze, di monsignor Marco Viola delegato della curia e di Alejandro Marius, fondatore dell'Associazione civile Trabajo Y Persona.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Calano i contagi nella provincia di Firenze dove non sono stati registrati ulteriori decessi nelle ultime 24 ore. Sono 442 i positivi nella Asl Centro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca