QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 3° 
Domani 6° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 19 novembre 2018

Attualità martedì 06 novembre 2018 ore 12:34

Firenze celebra le capitali della cultura europee

Nel salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio la prima conferenza delle capitali europee della cultura dal 1985 ad oggi



FIRENZE — “La cultura è oggi l’unica vera chiave del futuro, strumento di sapere, progettualità, creatività e integrazione”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, aprendo i lavori della prima Conferenza delle capitali europee della cultura, in corso fino a domani a Palazzo Vecchio. Obiettivo: creare una sorta di network fondato sulla cultura da contrapporre agli euroscettici.

L'inedito summit mira a celebrare e riunire insieme per la prima volta le città europee che sono state dichiarate capitali della cultura dal 1985, anno di lancio dell'iniziativa, e quelle già designate per i prossimi anni. Erano presenti il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli e il commissario europeo alla cultura Tibor Navracsics. 

"Credo che sia uno dei momenti più interessanti di una vita politica europea che si sta evolvendo e sviluppando, perchè stiamo discutendo che cosa ci rende europei e perchè quest'anno è l'anno europeo del patrimonio culturale - ha dichiarato Navracsics - Questa rete della città capitali europee della cultura può contribuire al dibattito. Possiamo mappare le caratteristiche che ci legano, che ci rendono europei e che possono essere un retroterra comune a dispetto di tutte le divergenze e di tutti i conflitti".

“Questa Conferenza - ha sottolineato Nardella - si tiene nel primo anno del Patrimonio Culturale Europeo e aspira a mettere in rilievo l’istituto delle capitali della cultura, che a mio avviso è molto più importante di quanto non sia comunemente riconosciuto, per il processo di integrazione europea. Ringrazio per questo il commissario Navracsics che più di un anno fa ha sposato e accettato di essere nostro partner in questa iniziativa che riunisce città che, per il loro status di capitali della cultura europea, hanno l’onore ma anche la responsabilità di contribuire sia a preservare il nostro patrimonio sia a progettare il futuro dell’Unione legando le diverse anime, istanze e tradizioni con quel collante unico che è la cultura. Vorrei rivolgere un ringraziamento particolare al ministro Bonisoli che ci fa l’onore oggi di essere qui per testimoniare il sostegno del nostro Governo a questa iniziativa che, sono certo, darà lustro all’Italia e ne sancirà, una volta di più, la leadership su temi che per anni sono rimasti lontano dai riflettori dell’agenda europea e internazionale”. 

Il sindaco ha ricordato che questo forum si tiene proprio alla vigilia della quarta edizione di Unity in diversity, la riunione dei sindaci del mondo nel nome della cultura e della pace, e nell’anniversario della morte di Giorgio La Pira, il sindaco ‘santo’ che per primo ebbe l’ardita idea di riunire le città mondiali in uno storico consesso a Palazzo Vecchio, negli anni Cinquanta. 

“L’idea di questa Conferenza – ha proseguito il sindaco – nacque in occasione del primo G7 della cultura che si svolse in città nel marzo di due anni fa. Oggi riteniamo che la cultura sia l’unica vera chiave del futuro: in un mondo fatto di fake news, smarrimento della memoria, decrescita, insicurezza, la cultura è strumento del sapere, della progettualità, della creatività e dell’integrazione. Le città sono le custodi di questi valori e li fanno crescere col lavoro quotidiano. Questo è il loro compito: non essere solo per un anno ma rimanere per sempre capitali della cultura, per mandare un messaggio di coesione, di solidarietà, di crescita e di pace”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Attualità

Cronaca