Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE19°26°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Frecce Tricolori, il video delle spettacolari evoluzioni sulle note di «Nessun Dorma»

Attualità venerdì 31 gennaio 2020 ore 18:00

Cattivi odori e sporcizia accolgono i viaggiatori

Alla Stazione di Santa Maria Novella il cantiere allestito per riparare la pensilina è un ricettacolo di odori nauseabondi e rifiuti abbandonati



FIRENZE — Ai pendolari che attraversano ogni giorno la Stazione di Santa Maria Novella non è sfuggito l'odore che trasuda dai cantieri in corso. I teloni illustrati che ricoprono le impalcature installate per la riparazione della pensilina crollata la scorsa estate, nascondono rifiuti e cattivi odori.  

Basta sporgersi oltre le recinzioni per notare i rifiuti abbandonati all'interno dei teloni che ricoprono le colonne che sorreggono la struttura posta sotto osservazione ed in corso di restauro. Non è tutto però, perché a lasciar trasudare odori nauseabondi sono i teloni stessi che mostrano vistose macchie di sporco e non sembrano ricevere la stessa attenzione prestata ai cestini dei rifiuti dei quali conservano i contorni ingialliti.

L'amministrazione fiorentina è recentemente intervenuta per invitare Grandi Stazioni a prestare maggiore attenzione alla pulizia dell'area ferroviaria e per sollecitare il completamento dei lavori. Nel frattempo i passeggeri si tappano il naso e cercano di tirare dritto accelerando il passo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Spopola il post dell'Abate Bernardo. Fino a 45 chilogrammi di miele, tanto potranno produrre le 90mila api in alta stagione sul colle di San Miniato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità