Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:35 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 21 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, sciame sismico ai Campi Flegrei. Danni e persone in strada: «Mai tanto forte»

Attualità lunedì 20 aprile 2020 ore 11:59

"Assurdo ripartire dalla Tav nella fase Covid 2"

L'ipotesi di riaprire i cantieri ad iniziare dall'Alta Velocità con il sottoattraversamento di Firenze ha messo in allarme i comitati cittadini



FIRENZE — Il Comitato No Tunnel di Firenze ha messo le mani avanti davanti ad una paventata ipotesi di riaprire i cantieri fiorentini per l'Alta Velocità per dare ossigeno all'edilizia nella fase post emergenziale. Nessun annuncio ufficiale, ma è bastato il profilarsi di proposte di semplificazione dell'apparato normativo degli appalti per mettere in agitazione i contrari della prima ora. Dello stesso avviso l'Associazione Idra che con Girolamo Dell'Olio ha reso noto di aver ricevuto da Infrarail Firenze Srl, società incaricata da Rfi di rivisitare il progetto di sottoattraversamento, "31 pagine di controdeduzioni che ci fanno esprimere qualche dubbio" sull'ipotesi di una ripartenza a breve termine.

Secondo i membri del Comitato No Tav fiorentino "Sarebbe di una gravità incredibile in questo momento. I problemi tecnici come sulle terre di scavo, ma non solo non sono risolti, ancora non risulta realizzato un progetto alternativo a quello esistente e tanto meno siamo in vista di una valutazione di impatto ambientale relativo allo stesso progetto, lascia basiti che si pensi ad una ripartenza dei lavori in mezzo ad una crisi sanitaria che prospetta anche una crisi economica profondissima, con numeri agghiaccianti per il futuro".
Il Comitato si è poi detto "Incredulo alle dichiarazioni di alcune settimane fa di imprenditori delle grandi imprese di costruzione, sostenute follemente anche da personaggi dentro il governo, sulla necessità di rilanciare subito la realizzazione di grandi opere dalla dubbia utilità e dai costi enormi, addirittura ricorrendo al “modello Genova”, cioè alla totale deregolamentazione del settore. Le grandi opere inutili sono uno dei peggiori strumenti per il rilancio del paese, creano pochissima occupazione, cioè poca redistribuzione di ricchezza e vanno a gravare pesantemente su un debito pubblico che è un oggettivo problema. È davvero strabiliante che solo si pensi ad una politica economica del genere e non si seguano le indicazioni dei tanti che vedono nella riconversione economica ed ecologica l’unico futuro possibile per il paese e il pianeta. È da incoscienti auspicare ancora pacchi di cemento da imporre alla città per tutelare gli interessi e i profitti di pochi" hanno concluso i No Tav.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono in arrivo in tutta la Toscana fenomeni anche di forte intensità. L'allerta meteo riguarda anche il rischio idrogeologico. Ecco i dettagli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca