Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE15°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità lunedì 19 luglio 2021 ore 11:05

Antidepressivi contro il Covid, ricerca a Careggi

L'ospedale di Careggi
L'ospedale di Careggi

I principi attivi di alcuni farmaci contro il male dell'anima avrebbero effetti di contrasto alla reazione infiammatoria innescata dal Sars-Cov-2



FIRENZE — Effetti contro la reazione infiammatoria innescata dal Covid-19 si avrebbero da parte dei farmaci antidepressivi: la ricerca, capace di aprire nuove prospettive per comprendere e curare la malattia da Sars-Cov-2 arriva dall'azienda ospedaliero-universitaria di Careggi a Firenze.

Gli antidepressivi con effetti su molecole presenti nel cervello, come serotonina e noradrenalina, hanno la capacità di ridurre i livelli nel sangue di interleukina 6, la sostanza responsabile delle gravi reazioni infiammatorie e dei conseguenti danni al tessuto polmonare nei pazienti affetti da Covid-19: a evidenziarlo è lo studio pubblicato sulla rivista scientifica Panminerva medica, che riporta i dati di una ricerca realizzata all'interno del policlinico fiorentino.

"L’interleukina 6 – spiega Leonardo Fei autore dello studio, medico psichiatra e direttore della Psiconcologia di Careggi – attivata in modo abnorme dal Covid-19 è la molecola principalmente coinvolta nella tempesta infiammatoria responsabile della maggior parte dei danni causati dal Coronavirus all’organismo e in particolare all’apparato respiratorio".

"Abbiamo osservato – prosegue Fei – che alcuni pazienti colpiti dal virus, anche se debilitati da gravi patologie pregresse e quindi particolarmente a rischio, mostravano sintomi e danni attenutati rispetto ad altri nelle medesime condizioni. Abbiamo individuato la causa della minor gravità nel trattamento, già prima del ricovero per Covid-19, con alcuni antidepressivi caratterizzati da effetti sulla preservazione dei livelli di serotonina e noradrenalina nel cervello, molecole fondamentali nella terapia della depressione".

Dall'osservazione all'astrazione ecco dunque lo studio, realizzato in collaborazione con le Malattie infettive, l’Immunoallergologia e i reparti Covid della Medicina interna di Careggi. Quello che si apre è un nuovo orizzonte sulla decrittazione dei meccanismi biochimici alla base delle reazioni infiammatorie da Sars-Cov-2 che potrebbero essere la chiave per lo sviluppo di terapie.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati i residenti ad allertare la polizia dopo avere trovato all'interno di un garage alcuni scooter abbandonati, manomessi e svaligiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità