QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 10°17° 
Domani 11°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 18 ottobre 2019

Attualità lunedì 06 febbraio 2017 ore 12:39

Stazione Foster, la Cisl ora vuole un commissario

Il sindacato chiede l'istituzione di una figura che garantisca ai lavori di procedere dopo il nuovo via libera al tunnel tav e alla stazione dell'alta velocità



FIRENZE — Il sì alla ripresa dei lavori arrivato dopo il faccia al ministero dei trasporti tra Regione Toscana, Comune di Firenze e Ferrovie è piaciuto alla Fit-Cisl Toscana che in una nota ricorda il numero di lavoratori coinvolti nella realizzazione delle opere in ballo: 150 nell’area Macelli-stazione Foster, altri 150 per il tunnel a cui se ne aggiungono altri 100 nell'indotto. 

Ora, però, il sindacato chiede garanzie affinché non ci siano più stop nella realizzazione dei lavori. Da qui la richiesta della Fit Cisl di istituire un commissario permanente "che conosca il territorio, che funga da interfaccia fra i vari enti e organismi, con il compito di sbloccare in tempo reale eventuali ostacoli, presentare delle soluzioni concrete rispetto a questioni ancora da risolvere e, con un cronoprogramma chiaro, portare a termine l'opera prima possibile". Queste le parole di Stefano Boni, segretario generale della Fit che aggiunge: "Non è più il tempodi rilanciare, né tantomeno di aprire nuove discussioni. Ora siamo nella fase che guarda avanti e quindi tutti, a partire dalle istituzioni e dalla politica devono mettere al centro il territorio i pendolari/viaggiatori che reclamano uno sviluppo sostenibile, attraverso la centralità della stazione di Firenze Smn che, anche con la tranvia, può diventare il fulcro della mobilità regionale.”

Per Boni, infatti, "con l’intesa del 25 gennaio sono stati rimessi al centro i viaggiatori, quelli dell’alta velocità ma soprattutto quelli dei treni regionali che, con le infrastrutture realizzate, vedranno aumentare la puntualità e la qualità del servizio, specie per quanti entreranno a Firenze Santa Maria Novella. Un progetto reale per lo sviluppo della Toscana e al servizio del Paese; per questo la Fit-Cisl ha espresso soddisfazione per la soluzione approvata in quanto crediamo che possa rispondere alle esigenze e alla richiesta di mobilità che viene dal territorio.”

La Fit avanza anche alcune proposte operative: "Sempre tenendo al centro la Stazione di Firenze Santa Maria Novella va subito ripresa in mano anche la questione di come faranno i viaggiatori dalla stazione Foster ad andare verso il centro storico, oppure a prendere un treno per le altre città toscane. Le scelte sono due: o si rilancia la stazione Circondaria prevista in superficie antistante alla Foster (dove i binari esistenti sono già predisposti per la costruzione dei marciapiedi da una parte per i treni diretti nel Valdarno, nel Pisano, nella Lucchesia e naturalmente per Firenze SMN e dall’altra per incrociare la tramvia), oppure si costruisce un tunnel leggero sotto i binari che direttamente dalla stazione AV porti i viaggiatori verso SMN, per mezzo di un ‘tapis-roulant’.”



Tag

Assenteisti a Catania: il badge timbrato da ragazzini ripresi in video, 48 indagati

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca