comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 30 novembre 2020
corriere tv
Myrta Merlino ospita il compagno Marco Tardelli: «Ti presento come campione del mondo?», «Posso darti del tu?»

Attualità venerdì 25 settembre 2020 ore 17:59

Alloggi sociali, bando per piani di auto recupero

Singoli o nuclei familiari, riuniti in cooperativa, possono presentare progetti di auto recupero al fine di realizzare alloggi plurifamiliari



FIRENZE — Il Comune di Firenze ha diramato l’avviso pubblico per presentare proposte di interventi di auto recupero e auto costruzione con l’obiettivo di realizzare strutture alloggiative plurifamiliari che possono prevedere anche spazi di aggregazione e di condivisione o servizi comuni, per favorire lo sviluppo di relazioni umane e sociali all’interno del percorso di ricerca di soluzioni abitative. Sono stati individuati, al momento, per proposte di intervento, i seguenti immobili di proprietà del Comune di Firenze: il complesso denominato Mulino di San Moro a Signa, situato a Campi Bisenzio, l’immobile del Palazzo del Podestà via del Podestà, 16 e il complesso edilizio in via Assisi, 20.

Le proposte, complete di tutti gli elaborati richiesti in tre copie cartacee, devono pervenire entro e non oltre le 12 del 25 ottobre prossimo al protocollo generale di Palazzo Vecchio che invierà alla Regione Toscana, entro il 31 Ottobre 2020 le proposte di intervento pervenute, esprimendo un parere di congruità e fattibilità.

I soggetti attuatori degli interventi sono singoli o nuclei familiari, riuniti in cooperativa appositamente costituita, anche nella forma di cooperativa di comunità, che intendano partecipare attivamente con il loro lavoro al processo di autorecupero o autocostruzione, su immobili o terreni di proprietà della cooperativa ovvero messi a disposizione da soggetti pubblici o privati sulla base di specifica convenzione.

I soci della cooperativa partecipano direttamente ai lavori di costruzione o recupero edilizio, nelle forme e nella misura determinata nella fase progettuale, in relazione alle specifiche possibilità e capacità.

Il contributo regionale ha carattere forfettario e sarà integrato sia con risorse proprie della cooperativa, sia con il lavoro dei soci.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità