Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 13 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Johnson&Johnson, l'immunologa Viola: «Nessun trambusto. Nessun caso sugli over 60»

Attualità domenica 31 maggio 2020 ore 19:08

Adesso le mascherine usa e getta fanno paura

L’osservatorio fiorentino sulla sostenibilità ha lanciato l'allarme rivolgendo a cittadini e istituzioni un appello ad usare mascherine lavabili



FIRENZE — Le mascherine usa e getta oltre alle città rischiano di invadere spiagge e montagne durante l'estate, da qui parte l'appello della rete ambientale fiorentina a Comune di Firenze e Regione Toscana. Mentre sul territorio urbano i sindaci hanno mostrato il pugno duro annunciando controlli e sanzioni, nei luoghi di villeggiatura si rischia il danno ambientale.

L’osservatorio fiorentino sulla sostenibilità ha rivolto un appello a cittadini e istituzioni contro le mascherine usa e getta soprattutto in vista dell'estate "L’utilizzo diffuso di mascherine usa-e-getta composte da polimeri plastici sta determinando il rilascio nell’ambiente di enormi quantità di questi materiali" hanno spiegato gli ambientalisti che raggruppano anche le associazioni Legambiente, WWF e Libera.

L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ha stimato che l’Italia nell’anno in corso dovrà gestire un quantitativo di rifiuti derivanti dall’uso di mascherine e guanti compreso tra 150mila e 450mila tonnellate

"Si pensi a quale entità di rilascio di microplastiche nell’ambiente e nelle acque può comportare la circolazione di queste quantità di materiali plastici, con tutti i problemi sulla salute, anche umana, che le microplastiche possono comportare e che solo da poco sono in fase di studio. Inoltre, quante mascherine e guanti finiranno dispersi illecitamente nell’ambiente per l’incuria delle persone? Tutti vediamo già in questi giorni mascherine e guanti abbandonati sul selciato delle nostre città; cosa succederà alle nostre spiagge ed ai nostri mari con il continuo utilizzo dei prodotti monouso aggravato dalle necessità di utilizzo dei dispositivi di protezione?".

L'invito degli ambientalisti è ad usare "mascherine in comunità" che sul sito del Ministero della Salute sono così descritte “possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.

"La soluzione quindi per diminuire una parte del carico di plastiche e microplastiche nell’ambiente, in attesa di poter smettere di usare le mascherine, è quella di utilizzare mascherine lavabili, possibilmente in tessuti naturali, in ogni caso multistrato. Un’ulteriore prospettiva è stata da poco proposta dall'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile: una filiera tutta italiana consistente nella realizzazione di un filtro a membrana polimerica, interposta fra i due strati esterni di una maschera lavabile in tessuto, che soddisfa gli standard previsti e che, una volta conferito in appositi contenitori destinati a centri di raccolta e rigenerazione, può essere re-immesso in circolo come filtro rigenerato, chiudendo il ciclo in maniera virtuosa".

"La Regione Piemonte dall’inizio di Maggio sta distribuendo ai cittadini 5 milioni di mascherine lavabili, prodotte da tre ditte locali, previo apposito bando. Chiediamo al Comune di Firenze e alla Regione Toscana di muoversi nella stessa direzione. In sostituzione della distribuzione mensile per cittadino di decine di mascherine usa-e-getta vengano distribuite due mascherine lavabili a persona. In questo modo si ridurrebbe l’impatto sull’ambiente e allo stesso tempo si aiuterebbero sia i nostri laboratori artigiani, alcuni dei quali già stanno autonomamente producendo mascherine lavabili sia le medie e piccole imprese locali in questo momento di forte difficoltà economica" hanno concluso dall'Osservatorio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A sorprendere il locale aperto nella notte è stata la polizia, che ne ha disposta la chiusura per 5 giorni. Scattata anche una multa per ubriachezza
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS