Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:45 METEO:FIRENZE13°26°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Attualità domenica 21 febbraio 2021 ore 19:45

Firenze a breve termine ma il Covid ribalta tutto

La vocazione turistica resta ma il tessuto sociale e quello economico ne escono ridimensionati costringendo la città d'arte a rivedere i suoi piani



FIRENZE — Firenze è nuda ed il Covid l'ha costretta a ribaltare la sua prospettiva. La città d'arte senza turisti ha mostrato tutta la sua fragilità, dall'assenza dei residenti ai piani economici nei quali la voce principale era il passaggio, immancabile e continuo, tale da portare i clienti all'interno delle attività per una mera questione di flussi e non di voglia.

L'ultimo capitolo. Sulla scia del discorso del neo presidente Mario Draghi, il sindaco di Firenze ha lanciato una stoccata agli host chiedendo una nuova normativa che consenta ai sindaci di intervenire per limitare l'attività extra alberghiera. L'attacco è arrivato dopo la promessa di riqualificare l'intero sistema turistico alla luce della pandemia con percorsi delocalizzati, tempi più estesi e servizi di qualità ma non prima di aver incentivato il ritorno della residenza e per questo è stato usato come esempio il recupero di alcuni luoghi abbandonati nei quali dare vita all'housing sociale. 

La critica della soluzione semplice. Senza giri di parole la sintesi delle criticità è tutta in una frase "Una giovane coppia che riceve una casa in assegnazione potrà mai fare la spesa a prezzi esorbitanti in una zona dove l'offerta è rivolta ai turisti?". 

E poi, gli immobili a Firenze ci sono. Molti sono appartamenti arredati con gran gusto e finemente ristrutturati ma rimasti vuoti per l'assenza di prenotazioni. Cosa accadrà a questi appartamenti? 

Firenze, seconda solo a Venezia, negli ultimi anni ha visto crescere l'offerta di appartamenti, in molti casi monolocali, proposti sulle piattaforme on line per gli affitti a breve termine. La figura degli host, nata nel mondo per identificare i proprietari che mettono in locazione parte delle loro unità abitative agli ospiti di passaggio è diventata una vera e propria attività che ha preso piede creando un indotto sempre più nutrito di nuove professioni perché accanto ai proprietari di uno, o più, appartamenti sono arrivati gli operatori delle pulizie, i fornitori, i manutentori e numerose start up, presentate anche con il patrocinio del Comune di Firenze, tese ad agevolare l'arrivo e la gestione degli ospiti attraverso servizi di check in e ceck out cosiddetti smart nei quali è stato annullato il rapporto fisico tra le persone. Un passaggio quest'ultimo che avrebbe garantito la piena operatività in tempo di pandemia se non fosse per il venire meno della libertà di spostamento sul territorio. Tutti questi operatori che fine faranno?

L'auspicio dei sindacati degli inquilini è che il terremoto causato dalla pandemia possa portare ad un ridimensionamento del mercato immobiliare a partire dall'aumento degli appartamenti in affitto a canone concordato con un calmieramento dei prezzi

Non sono d'accordo coloro che nella città d'arte hanno investito come albergatori, commercianti e ristoratori che invece sperano in un "ritorno alla normalità" dove normalità è intesa come i flussi di visitatori disposti a spendere per "una notte a Firenze", "un pranzo a Firenze", "un matrimonio a Firenze", "una cena a Firenze" e tutto quanto può fare brand e parola chiave su internet. 

La mancanza dei turisti, questo è stato il punto di rottura. Senza di loro il centro storico è apparso nudo non solo per il settore extra alberghiero ma anche per l'alberghiero tradizionale e per la ristorazione che avevano aperto alberghi e locali di ogni genere e per ogni gusto.

Riportare la residenza con il contesto economico attuale è impensabile, occorrerebbe trasformare il centro storico in una zona come Le Cure o Coverciano, come Gavinana o Statuto. Un cambiamento che non si fa in pochi mesi. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli abitanti del quartiere hanno trovato diversi specchietti della automobili in sosta divelti dalle fiancate ed abbandonati sul marciapiede
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità