comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:02 METEO:FIRENZE14°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 22 ottobre 2020
corriere tv
Conte: «Ai cittadini dobbiamo chiedere ancora sacrifici e rinunce»

Attualità martedì 31 marzo 2020 ore 09:17

Covid, ira del sindaco per le gite fuori porta

A Fiesole non si placano le polemiche dopo la sfuriata del sindaco contro le passeggiate del fine settimana nonostante l'epidemia di Coronavirus



FIESOLE — Una valanga di commenti continua a travolgere la bacheca social del sindaco di Fiesole, Anna Ravoni, dopo la sfuriata del fine settimana.

"Sono veramente molto arrabbiata. Nella prima giornata di sole, a giro c'erano tantissime persone, troppe, troppe, troppe" ha esordito su Facebook nel week end Anna Ravoni che ha aggiunto "Girone, Maiano e San Domenico sembrano diventate le passeggiate dei fiorentini; a Ontignano, a Ellera e alla Querciola, gruppetti di ragazzi e intere famiglie anche residenti in posti lontani da qui a fare la passeggiata e a far giocare i bambini; a Montebeni abbiamo addirittura trovato dei ragazzi che giocavano nel campino con la scusa "questo è nostro, privato". Abbiamo dovuto impegnare a giro per il Comune sia i vigili urbani che i carabinieri" questo il racconto che ha suscitato l'assalto ai commenti. I toni si sono presto accesi e la conversazione si è indirizzata sulle accuse, gli inviti a sanzionare pesantemente ogni comportamento fuori misura fino alle storie personali segnate dall'emergenza.

"C'era il mondo in giro perché basta un po' di sole e le persone se ne fregano delle regole, tanto che vuoi che sia una passeggiatina o una corsetta se sto da solo..." è uno dei commenti al post. "Che tristezza e ignoranza" ha commentato qualcuno mentre in tanti hanno auspicato che siano state elevate numerose multe ai danni dei trasgressori. In tanti hanno chiesto maggiori controlli e la stessa Ravoni ha risposto "Sia la polizia municipale, sia i carabinieri hanno girato per il Comune tutto il giorno. Ma...  appena girano in altra strada, fanno peggio di prima".

Tanti i cittadini arrabbiati "Sono molto arrabbiata perché è quasi un mese che siamo rinchiusi in casa e queste persone che sembrano non capire stanno vanificando tutti i nostri sacrifici. È davvero vergognoso... l'irresponsabilità va punita" ed ancora "Mi sono arrabbiata moltissimo, con un babbo e figlio a passeggiare; son passati davanti casa mia con bastoni di legno tipo trekking... gliene ho dette due. La risposta è stata "signora ha ragione" ed hanno continuato. A seguire dopo 2 minuti marito e moglie con mascherina che alla mia domanda "ma dove andate?" mi hanno risposto si va al campo degli ulivi! Solo le sanzioni possono risolvere. Noi stiamo in casa, mio figlio di 23 anni è più di un mese che non vede la fidanzata ed io e mio marito non facciamo più i nostri sport che amiamo. E' dura, molto dura e oltre a stare in casa per vedere di abbassare i contagi, il pensiero va anche al lavoro che chissà se ritroveremo... vedere certa gente menefreghista fa davvero male" oppure "Io non ho terrazzo e neanche giardino e neanche il cane quindi i miei figli sono praticamente murati in casa da 20 giorni e non è giusto che la gente faccia i cavoli suoi".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità