Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Approvata legge di bilancio in Cdm, c'è stato applauso. Soddisfatti del provvedimento»

Cronaca venerdì 19 gennaio 2018 ore 14:00

Arancia meccanica tra minorenni sul treno

Bullismo e violenza gratuita con pugni, calci e offese razziste nei confronti di un ragazzino. A salvarlo dal pestaggio due ragazzi senegalesi



FIRENZE — Il 23 dicembre intorno alle 16, su un treno Vivalto diretto a Firenze e partito da Pisa, si è verificata un'aggressione nei confronti di un minorenne di nazionalità cinese residente nel comprensorio del cuoio. A picchiare, pestare e rivolgere offese razziste al ragazzo sono stati due giovani di 14 e 17 anni, anche loro del comprensorio, che già altre volte erano stati segnalati alle forze dell'ordine per comportamenti di bullismo simili.

La polizia ferroviaria ha ricostruito i fatti utilizzando anche i filmati delle videocamere del treno. Il giovane picchiato stava andando con amici a fare una gita a Firenze quando sul treno ha incontrato i due ragazzi di 14 e 17 anni. 

I due hanno iniziato a molestarlo e offenderlo. Il giovane ha fatto finta di nulla e ha continuato a camminare nel vagone ma è stato afferrato da dietro da uno dei due mentre l'altro lo ha picchiato con un pugno. Nel frattempo volavano anche offese razziste.

Il pestaggio è stato interrotto da due ragazzi senegalesi che sono intervenuti per fermare i due bulli. Nel frattempo un amico del minorenne ha chiamato la polizia.

Giunti a Santa Maria Novella il giovanissimo, in stato di choc, ha raccontato l'episodio alla polizia ferroviaria. E' stato curato dal 118 e portato all'ospedale. Ha riportato numerose ferite. 

I due aggressori erano scesi a Empoli, fuggendo. Tuttavia la sera stessa il gruppo di amici ha di nuovo incontrato i due bulli in treno. Quest'ultimi hanno iniziato ad inveire e minacciare i ragazzi perché avevano avvisato la polizia, esigendo di vedere i telefoni per esaminare la cronologia delle telefonate. A quel punto sono intervenuti i genitori che hanno evitato un'altra brutta situazione.

La polizia ha spiegato che i due aggressori non sono nuovi a episodio di becero bullismo. Vista la gravità dei fatti il Procuratore della Repubblica Sangermano ha deciso di denunciare i due ragazzi per reati di lesioni personali in concorso a valenza razzista e violenza privata aggravata.

La polizia ha reso noto che nelle immagini delle videocamere si vedono i due aggressori che ridono soddisfatti del pestaggio appena fatto.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il rinnovo automatico riguarda gli stalli nelle zone blu promiscue di Zcs. Ecco fino a quando rimangono validi i permessi e che fare se si cambia casa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca