Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE20°34°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 08 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, Calenda: «Non intendo andare avanti in questa alleanza con il Pd»

Attualità venerdì 01 maggio 2020 ore 10:25

Scuole dinamiche per adattarsi alle nuove esigenze

Emergenza Coronavirus, verso la ripartenza con un protocollo di intesa con Indire. Maggi: "Crisi ci dimostra l’importanza di strutture flessibili"



CALENZANO — Un protocollo di intesa per scuole più innovative, adatte alle nuove esigenze didattiche e maggiormente collegate con il territorio. È stato firmato dal Comune di Calenzano con l’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa (Indire) ente di ricerca del Ministero dell’Istruzione.

L’obiettivo è di sostenere la realizzazione di nuovi plessi o la ristrutturazione delle scuole esistenti, tramite la progettazione di spazi educativi coerenti con le innovazioni tecnologiche e con le evoluzioni della didattica, anche rispetto ad un nuovo rapporto con il territorio, improntato ad una maggiore apertura degli spazi scolastici e a processi di progettazione partecipata.

“Grazie alla collaborazione con gli esperti di Indire – ha commentato l’assessore alla pubblica istruzione Laura Maggi – andremo a progettare spazi scolastici flessibili e dinamici, con attenzione all’ambiente e cura estetica, strutture agevoli ed in grado di adattarsi alle esigenze in continua evoluzione, capaci di destrutturare didattica e spazio, di essere più inclusivi e con una visione più ampia e volta al futuro dei nostri bambini e ragazzi. La crisi sanitaria e sociale in corso dimostra palesemente l’esigenza di scuole di questo tipo, con le quali la programmazione di metodologie diverse di didattica sarebbe stata possibile, consentendo quindi un rientro anticipato sui banchi”.

Indire conduce da anni una ricerca sui nuovi modelli di organizzazione degli edifici scolastici. Muovendo da istanze pedagogiche e didattiche – ha sottolineato il dirigente di ricerca di Indire Samuele Borri - la nostra ricerca propone soluzioni organizzative che superano l’idea di aula come contenitore indistinto di alunni. Il manifesto Indire “1+4 Spazi Educativi” propone ambienti aperti e configurazioni flessibili. Queste soluzioni permettono di far fronte anche a situazioni che richiedono la destrutturazione del binomio gruppo classe-aula in gruppi a geometria variabile impegnando gli alunni in attività alternate e diversificate. Il protocollo di intesa con il Comune di Calenzano è l’opportunità per realizzare un prototipo di scuola pronta ad affrontare le sfide del futuro proponendo un paradigma centrato sullo studente”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Calano i contagi nella provincia di Firenze dove non sono stati registrati ulteriori decessi nelle ultime 24 ore. Sono 442 i positivi nella Asl Centro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca