QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 20 novembre 2019

Attualità lunedì 06 novembre 2017 ore 18:49

L'Appennino unisce, intesa fra Firenze e Bologna

Dario Nardella e Virginio Merola

L'accordo è stato siglato fra i sindaci delle due metropolitane per coordinare l'azione dei due enti. Con una richiesta: treni Av anche la sera



FIRENZE — Saranno avviate politiche comuni tra le  due Città Metropolitane confinanti di Firenze e Bologna grazie a un accordo siglato tra i sindaci Dario Nardella e Virginio Merola a Palazzo Medici Riccardi.

L'intesa individua gli ambiti di interesse su cui sviluppare, nel quadro delle politiche regionali e di area vasta, una piattaforma di progetti condivisi con la previsione di un coordinamento per l'attuazione anche dei rispettivi Piani strategici.

"E' stata definita la cornice per un'agenda di lavoro - ha detto il Sindaco Dario Nardella - che tocca molti punti con un obiettivo ambizioso: fare di un'area urbana con poco più di due milioni di abitanti il baricentro d'Italia; un'area con una percentuale bassa di disoccupazione, caratterizzata da una grande capacità di export e animata da settori competitivi, e con analogie, come quella tra l'area di Imola rispetto a Bologna e l'Empolese Valdelsa rispetto a Firenze, dal punto di vista delle esperienze di autonomia istituzionale".

Firenze e Bologna intendono muoversi insieme per attrarre investimenti e coltivare rapporti internazionali, anche grazie all'attuazione delle linee comuni dei rispettivi Piani strategici.

"Le nostre aree metropolitane non hanno bisogno di confini ma di nuove frontiere ed è per questo che l'Appennino non deve essere più il nostro confine ma la nostra zona di benessere e di offerta turistica - ha spiegato il Sindaco Virginio Merola - su turismo, cultura e ambiente abbiamo l'ambizione di essere un esempio per il Paese. Chiediamo anche autonomia finanziaria non per introdurre nuove tasse ma perché questo tema venga affrontato dal Governo nella convinzione che le Città Metropolitane hanno bisogno di risorse da governare in autonomia".

Il sindaoc Merola ha risposto qualche domanda su una possibile integrazione fra gli aeroporti di Firenze e di Bologna.

"L'aeroporto di Bologna guadagna posizione, ora è a sette milioni di passseggeri e Bologna è impegnata a terminare il people mover nel 2019 - ha risposto Merola - Firenze invece è impegnata a verificare la realizzazione della nuova posta: io credo che queste due posizioni ci permetteranno di guardare in prospettiva a forti collaborazioni".



Tag

Trenta e la casa da ministra: «Mio marito rinuncia all'alloggio, lasceremo nel tempo per fare il trasloco»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca