Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:25 METEO:FIRENZE13°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 23 ottobre 2021

— il Blog di

Verso il Natale il cucciolo-strenna vale?

di - mercoledì 20 dicembre 2017 ore 08:00

I cuccioli arrivano nel nuovo ambiente sfiniti

Verso il Natale col cucciolo sotto l’albero? E’ la tentazione di molti. Ma funziona? Natale a 6 zampe sa di coccoloso, pare il titolo di un cinepanettone, e i dati del Rapporto Italia 2017 di Eurispes confermano che a dividere la vita con un pet è il 62 per cento degli italiani, il 31 per cento dei quali lo ha ricevuto proprio in regalo. E qui casca l’asino natalizio. Per i pet appena adottati, magari piazzati sotto l’albero per stupire i piccini, si apre un capitolo a sé.

A Natale sono decine di migliaia i cuccioli che finiscono sotto l’albero belli infiocchettati. Però poi crescono e diventano, spesso, gli stessi cani che a bordo vacanze vanno ad affollare canili e rifugi. Insomma: tra dono e abbandono il pacco è breve. Se si è convinti di accogliere in casa un cane durante le feste – magari perché con qualche giorno di ferie se ne può seguire meglio l’inserimento in famiglia, che può essere una buona idea – allora perché non adottarlo da un canile?

I box traboccano di quattro zampe di tutte le età, le taglie e anche le razze – sì sì, nei canili non finiscono solo i cani fantasia – e non c’è famiglia al mondo che non possa incontrarvi quello più adatto al proprio stile di vita e ‘di branco’. Occhio, però: non sempre il cane più adatto coinciderà col cane dei sogni, ma la felicità futura di tutti passa per una scelta responsabile in cui gli operatori e i volontari sempre a disposizione nei canili sapranno guidarvi con dedizione e competenza. Pre e post affidi servono proprio, anche, a questo.

Al di là degli slogan per cui “l’amicizia non si compra”, molti tra i cuccioli destinati a far da strenna natalizia provengono dal traffico illegale, una autentica tratta di cuccioli-banditi introdotti sul territorio italiano spesso dall’Est europeo attraverso viaggi odissea, prematuramente strappati alla mamma, privi di documentazione e copertura vaccinale.

Per i trafficanti di cuccioli il loro uso come strenna vale eccome: il loro business genera un giro d’affari sui 300 milioni di euro l’anno: acquistati per poche decine di euro, sono rivenduti a prezzi anche fino a 20 volte superiori. Secondo le ultime stime Lav, però, la mortalità di quei cuccioli raggiunge il 50 per cento tra quanti si spengono durante il viaggio e quanti poco dopo la consegna. Per loro, il Natale è tutt’altro che festa.


L'articolo di ieri più letto
Coi nuovi contenitori stradali digitali decolla la seconda fase della trasformazione della raccolta dei rifiuti all'insegna della circolarità
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità