comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 21°31° 
Domani 19°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 05 luglio 2020
corriere tv
Decreto rilancio, ecco le novità da sapere

Cronaca domenica 17 settembre 2017 ore 13:57

Si è spento Bersellini, l'allenatore di ferro

Eugenio Bersellini

Originario di Borgotaro, fu prima giocatore. I più importanti successi arrivarono con l'Inter e la Sampdoria, poi guidò anche la Fiorentina e il Pisa



PRATO — Eugenio Bersellini detto "il tedesco", per il suo aspetto e i suoi modi di fare ferrei, decisi e testardi, si è spento a Prato nella notte, all'età di 81 anni.

Nato a Borgotaro, nel parmense, passò ad allenare a Lecce, ma i suoi successi più importanti sulle panchine dei campi da calcio arrivarono a Milano sponda neroblu, dove vinse lo scudetto del '79-'80 e due Coppa Italia. Una teza Coppa Italia arrivò poi a Genova, sulla panchna dei blucerchiati, nel 1985.

A Firenze approdò nellla stagione '86-'87, ma nonostante il recupero di Roberto Baggio la viola mancò l'obiettivo della Coppa Uefa, piazzandosi al nono posto nel campionato di serie A.

A Pisa, sotto la presidenza di Romeo Anconetani nella stagione '93-'94, Bersellini fu chiamato in corsa per sostituire Walter Nicoletti ma poi, dopo sedici partite, fu rimpiazzato da Felice Secondini. E il Pisa, purtroppo, non si salvò: arrivato 17esimo in campionato i deficit finanziari fecero il resto, chiudendo definitivamente l'epopea di Romeo e del Pisa Sporting Club.

Eugenio Bersellini a quel punto si prese un po' di pausa, poi andò addirittura ad allenare in Libia, dove vinse anche un campionato.

La camera ardente è stata allestita alla Misericordia di Prato.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità