Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Samele argento nella sciabola, la dura preparazione per arrivare così in alto

Attualità lunedì 24 maggio 2021 ore 18:33

A Firenze una strada dedicata al giudice Livatino

Rosario Livatino

La città di Firenze vuole dedicare una targa al giudice Rosario Livatino individuando per questo una strada, un largo o una piazza sul territorio



FIRENZE — Nella seduta del Consiglio comunale, in una comunicazione dedicata proprio al giudice Rosario Livatino, il capogruppo del partito di maggioranza ha avanzato la proposta di dedicare un luogo alla memoria del "giudice ragazzino".

“Firenze, città duramente colpita dalla mafia, si impegni a intitolare una strada o un luogo pubblico al giudice Livatino, così come a promuovere iniziative dedicate alla memoria di questa straordinaria figura di uomo di giustizia” questa la proposta di Nicola Armentano.

“Il 9 Maggio il giudice Livatino è stato proclamato Beato ad Agrigento, la camicia indossata il giorno in cui venne ucciso, collocata in una teca della cattedrale; una data storica, proprio il 9 Maggio 1993 il papa san Giovanni Paolo II pronunciò il suo forte anatema contro la mafia, nella stessa data, nel 1978, fu ucciso Peppino Impastato, sempre per mano mafiosa. – ha spiegato Armentano - Livatino è il primo magistrato proclamato Beato nella storia della Chiesa cattolica. Giudice non influenzabile, non solo credente, ma soprattutto ‘credibile’ come amava dire, colpì a fondo le cosche mafiose, lavorando per impedirne l’attività criminale. Fu un uomo dal grande coraggio e dal profondo impegno civile. Firenze, città duramente colpita dalla violenza della criminalità organizzata, deve essere vigile per colpire ogni presenza mafiosa sul territorio, importante dirlo con forza adesso a pochi giorni dal triste anniversario della strage dei Georgofili. L’esempio del giudice Livatino ha ovviamente per noi un enorme valore, l’auspicio è quindi che anche nella nostra città prendano forma iniziative in sua memoria, in primis dedicando una via o piazza alla sua importante figura”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una passeggera senza biglietto ha aggredito la capotreno. Il treno regionale si è fermato dopo essere partito dalla stazione di Santa Maria Novella
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità