Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:50 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Si tuffa sopra un'orca assassina per fare «body slamming»

Attualità mercoledì 20 marzo 2024 ore 16:00

Tutti pazzi per il cibo toscano, export da record

vino e olio
Vino e olio restano i prodotti più esportati

Miglior risultato di sempre per le esportazioni dell'agroalimentare Made in Tuscany, con quasi 3,5 miliardi di euro nel 2023



TOSCANA — Nuovo record per il Made in Tuscany a tavola nel 2023 con quasi 3,5 miliardi di euro di esportazioni nel mondo: è il miglior risultato di sempre. Nonostante le turbolenze internazionali, i conflitti in corso e l’inflazione l’agroalimentare regionale ha continuato a marciare spedito all’estero abbattendo un primato dopo l’altro e mettendo a segno incrementi anche vistosissimi come quello verso la Spagna che ha toccato il +42%.

In generale, l'anno scorso il valore di vino, olio, piante, ortaggi, frutta, pasta e di tutti gli altri prodotti del paniere è aumentato di oltre 160 milioni di euro (+5%). A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base del dati sulle esportazioni rilevati dall’Istat nel 2023. 

L’Europa dei 27 paesi membri si conferma il motore dell’export regionale con 1,8 miliardi di euro di valore di prodotti commercializzati (+7%). Quello tedesco è il mercato più importante con 489 milioni di euro (+4%) poi seguono la Francia con 377 milioni (+7,7%), i Paesi Bassi con 124 milioni (+10,7%) e la Spagna con 105 milioni che registra una crescita del 42% delle esportazioni nell’ultimo anno. Al di sotto della soglia dei 100 milioni di euro ci sono tutti gli altri paesi con differenze però sostanziali tra il Belgio che acquista 70 milioni di euro di prodotti Made in Tuscany e Cipro e l’Estonia con appena 4,1 milioni di euro. 

Tra i mercati che hanno segnato balzi a doppia cifra ci sono, oltre alla Spagna, la Polonia con 57 milioni di euro (+32%), la Romania con 35 milioni di euro (+25%), la Finlandia (+30%) e la Lituania (+26%). 

Il mercato statunitense è saldamente il primo sbocco extra Ue per l’alimentare toscano con 870 milioni di euro di prodotti venduti (+5,2%). In sofferenza il mercato canadese (-9%) il cui valore resta comunque rilevante con 172 milioni di euro ma anche quello cinese (-7,3%). Continua la discesa per quello russo che dopo l’inizio della guerra e le sanzioni si è dimezzato toccando il minimo con 26 milioni di euro. 

Il vino è il prodotto più commercializzato con quasi 1,2 miliardi di euro (-4%) insieme all’olio e derivati con 996 milioni di euro (+16,6%).

I paesi Ue che più mangiano toscano (Fonte Coldiretti su dati Istat)

  • Germania 498 milioni (+4%)
  • Francia 377 milioni (7,7%)
  • Paesi Bassi 124 milioni (+10,7%)
  • Spagna 105 milioni (+42%)
  • Belgio 70 milioni (+10%)
  • Austria 64,5 milioni (+0,16%)
  • Polonia 57 milioni (+32%)
  • Svezia 45,5 milioni (+1,3%)
  • Danimarca 40,7 milioni (+4%)
  • Romania 35 milioni (+25%)
  • Grecia 27 milioni (+8%)
  • Repubblica Ceca 23,3 milioni (+18%)
  • Ungheria 23 milioni (+9,5%)
  • Croazia 17,8 milioni (+22%)
  • Irlanda 17,3 milioni (+3,6%)
  • Slovenia 14,8 milioni (+11%)
  • Portogallo 14 milioni (16,7%)
  • Finlandia 13 milioni (+30%)
  • Lettonia 12,4 milioni (21,6%)
  • Slovacchia 10 milioni (=)
  • Bulgaria 8,9 milioni (+1%)
  • Lituania 7,3 milioni (26%)
  • Malta 4,9 milioni (+4%)
  • Lussemburgo 4,2 milioni (-16%)
  • Estonia 4,1 milioni (-11%)
  • Cipro 4,1 milioni (+2,5%)

“Il temuto rallentamento non c’è stato. Il mercato Ue ha tenuto molto bene con incrementi anche importanti, così come quello statunitense che rappresenta il primo sbocco extra Ue", analizza Letizia Cesani, presidente Coldiretti Toscana.

"Questi risultati sono ancora più significativi alla luce dell’attuale contesto geopolitico ed economico ma anche del fenomeno del tuscany sounding e delle frodi agroalimentari che generano un volume d’affari pari a quello delle esportazioni", prosegue.

Il primato del Made in Tuscany all’estero è trainato da un’agricoltura tra le più green d’Europa, – evidenzia Coldiretti Toscana, con il 34% delle superfici biologiche e quasi 10mila operatori impegnati, 467 specialità alimentari tradizionali e 90 filiere del cibo e del vino Dop e Igp.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno