Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:25 METEO:FIRENZE16°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 05 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La motovedetta libica fa una manovra violenta e i migranti cadono in acqua

Attualità giovedì 23 marzo 2023 ore 18:50

Allergie, in Toscana pollini già in agguato

soffione con spore al vento

Alte concentrazioni per quanto riguarda il cipresso, mentre avanzano quelle di altra derivazione. Ecco la situazione e come monitorarla



TOSCANA — Monitoraggi settimanali e stazioni di campionamento ad Arezzo, Firenze, Grosseto e Lido di Camaiore in Versilia: così in Toscana Arpat controlla le concentrazioni dei vari tipi di polline e di spore fungine in atmosfera, proprio gli elementi responsabili di tante allergie di primavera.

Ebbene: i pollini sono già più che in agguato, con le cipressacee (cipressi, tassi e via germogliando) le cui particelle nella settimana fra il 6 e il 12 Marzo hanno mostrato alte concentrazioni in tutte le stazioni di campionamento tranne quella versiliese che per problemi di natura tecnica non ha concorso all'ultimo report.

Lo stato dei pollini di cipressacee

Lo stato dei pollini di cupressacee (Fonte: Arpat)

A seguire attualmente i pollini più diffusi in atmosfera in Toscana risultano quelli di ortica e parietaria, in concentrazioni medie a Firenze e Grosseto, mentre ad Arezzo risultano assenti e con tendenza alla stabilità.

Ma come avvengono i monitoraggi Arpat diffusi con cadenza settimanale? L'Agenzia regionale di protezione ambientale ha ruolo di coordinamento nella rete toscana di monitoraggio dei pollini e delle spore fungine, costituita come detto da stazioni di campionamento collocate ad Arezzo, Firenze, Grosseto e Lido di Camaiore.

Le stazioni di campionamento in Toscana mappa

Le stazioni di campionamento in Toscana (Fonte: Arpat)

I dati del monitoraggio regionale confluiscono nella rete nazionale di monitoraggio aerobiologico PollNet del sistema delle Agenzie di Ispra. Le concentrazioni di pollini vengono monitorate perché interessano i parametri di studio per biodiversità, clima e inquinamento atmosferico. 

Vengono poi diffusi settimanalmente proprio perché sono di grande interesse per i soggetti allergici e per gli allergologi. Proprio per favorire la consultazione dei dati di concentrazione dei pollini e delle spore fungine da parte delle persone allergiche, Arpat ha attivato anche una apposta app.

Le allergie ai pollini

Si chiama pollinosi e rappresenta una delle più tipiche malattie allergiche, innescata dall'inalazione di pollini trasportati in aria anche a distanze notevoli dai luoghi di partenza. Lo spiega Arpat nella sua pagina dedicata proprio a questa materia.

Naso che cola, occhi gonfi, difficoltà a respirare sono i sintomi più comuni ed afflittivi delle allergie che iniziano ad insorgere prima della primavera, poi a primavera e in autunno a seconda dei cicli di rilascio dei pollini delle piante. Eccoli secondo la scansione Arpat.

  • allergie precoci, preprimaverili da alberi: Cupressacee, Betullacee e Corylacee
  • allergie primaverili o primaverili estive da Graminacee, Parietaria, Oleacee
  • allergie estivo-autunnali da pollini di Composite

"L'insorgenza delle pollinosi tipiche del periodo inverno-primavera il maggior contributo è dato dalle piante arboree con i pollini di Betulla (specie nel Nord Italia), Nocciolo e Cipresso", scrive Arpat.

Ancora: "Le pollinosi classiche (febbre da fieno) sono dovute principalmente alle piante erbacee come le Graminacee che comprendono numerosi generi con alto potere allergizzante e le Composite (Artemisia e Ambrosia)". 

"La diagnosi di pollinosi può essere fatta mediante le classiche prove allergologiche o, nei casi dubbi, mediante un esame del sangue", spiegano gli esperti. 

Ma attenzione perché le allergie da pollini si possono sovrapporre a quelle alimentari (cross reattività). Ecco gli abbinamenti più comuni, sempre declinati dagli studiosi dell'Agenzia regionale.

  • Betulla, Ontano, Nocciolo, Carpini con: mela, pera, pesca, albicocca, prugna, ciliegia, nocciola, noce, mandorla, nespola, arachide, lampone
  • Graminaceae con: frumento, melone, anguria, pomodoro, arachide, pesca, ciliegia, albicocca, prugna, mandorla, kiwi, agrumi
  • Parietaria con: basilico, ortica, melone, ciligia, pisello.

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dal 2022 alla guida del Consorzio Co&So, presidente di Confcooperative Toscana e vicepresidente nazionale dell'associazione. Cordoglio istituzionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità