Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:53 METEO:FIRENZE22°38°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Scontro in diretta tv tra Cecchi Paone e Cremaschi: «Intollerante e fascista»
Scontro in diretta tv tra Cecchi Paone e Cremaschi: «Intollerante e fascista»

Cultura venerdì 07 aprile 2023 ore 19:00

Ponti d'Aprile, ecco i musei toscani aperti gratis

La Palazzina dei Mulini all'isola d'Elba
La Palazzina dei Mulini all'isola d'Elba è tra i musei statali aperti

Prima Pasqua e Pasquetta, poi 24 e 25 Aprile: sono oltre 30 i luoghi della cultura statali che aprono le porte con mostre e visite guidate



TOSCANA — Ponti d'Aprile al museo, con oltre 30 luoghi della cultura statali della Direzione regionale musei della Toscana diffusi su tutto il territorio aperti con ingresso gratuito sia per Pasqua e Pasquetta il 9 e il 10 Aprile, sia per la Festa di Liberazione il 24 e 25 Aprile

Presso i luoghi del circuito museale saranno fruibili mostre e visite guidate alle principali raccolte e collezioni. Ecco tutti gli scrigni pronti ad aprire le porte in Toscana.

Firenze e provincia

A Firenze sempre aperto il Museo archeologico nazionale, il più grande museo d'Italia a nord di Roma con la più importante raccolta di arte egizia in Italia dopo quella del Museo Egizio di Torino. Le raccolte del Museo sono fra le più prestigiose del mondo e si ammirano tra i capolavori il Vaso François, uno dei più grandi crateri a volute attici pervenuto, decorato con 270 figure mitologiche, le celebri sculture di bronzo della Chimera di Arezzo, mostro mitologico dal corpo multiforme con testa di leone, capra e coda di serpente l’Arringatore, la Minerva di Arezzo e l’Idolino di Pesaro. Nel Salone del Nicchio prosegue la mostra Tesori dalle terre d’Etruria. La collezione dei conti Passerini, Patrizi di Firenze e Cortona.

Solo il 10 Aprile sarà possibile visitare anche Villa Corsini a Castello, alle porte di Firenze, che può essere considerata la sezione distaccata della scultura antica del Museo archeologico. Nel salone sono esposti infatti alcuni fra i marmi più significativi della raccolta del Museo.

Rimanendo nel capoluogo toscano, al Museo di San Marco fino a Pasqua nel refettorio piccolo, in dialogo con l’affresco dell’Ultima cena del Ghirlandaio, il cortometraggio Fra Angelico’s Communion: The Living Tableau, opera del visionario creatore e regista americano Armondo Linus Acosta Armondo, anima l’affresco del Beato Angelico La comunione degli Apostoli della cella 35.

Il percorso del sacro a Firenze si completa con i capolavori degli affreschi dell’Ultima cena nei Cenacoli di Sant’Apollonia e nel Cenacolo di Andrea del Sarto a San Salvi e con le Storie di san Giovanni Battista e le quattro virtù Fede, Speranza, Carità e Giustizia affrescate sempre da Andrea del Sarto nel Chiostro dello Scalzo.

Ville Medice e aree archeologiche

Lo spettacolo della fioritura spontanea si potrà godere nei Giardini della Villa medicea della Petraia e della Villa medicea di Castello con antiche preziose collezioni di agrumi uniche al mondo con esemplari di oltre 300 anni di vita e selezioni di erbe officinali. Porte aperte anche nelle Ville medicee di Poggio a Caiano e di Cerreto Guidi e nel Parco di Villa il Ventaglio in stile inglese. 

Aperte per le festività anche tutte le Aree archeologiche: i Tumuli di Montefortini e Boschetti a Comeana nel Pratese (solo il 9 e il 25 Aprile), Il tumulo del Sodo a Cortona nell'Aretino, il Museo archeologico nazionale di Castiglioncello e nella provincia di Grosseto si potranno ammirare le aree archeologiche di Vetulonia e dell’antica Città di Cosa.

A Roselle tornano visibili i magnifici pavimenti della Domus dei Mosaici, nella zona del Foro romano, dopo essere stati protetti dalle intemperie dell’inverno da una pesante copertura.

Arezzo e provincia

Ad Arezzo e provincia sono cinque i musei pronti ad accogliere visitatori e turisti: la Basilica di San Francesco con il ciclo pittorico della Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca, il Museo archeologico nazionale Gaio Cilnio Mecenate e l’Anfiteatro romano e ancora il Museo di Casa Vasari e il Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna (chiuso a Pasqua). Ad Anghiari il Museo delle Arti e Tradizioni Popolari dell’Alta Valle del Tevere a Palazzo Taglieschi.

Lucca

A Lucca saranno aperti i due musei nazionali di Villa Guinigi e Palazzo Mansi.
A Palazzo Mansi si possono rivivere i fasti di una ricca famiglia di mercanti lucchesi tra saloni affrescati, splendidi arazzi magnificamente conservati, e una superba quadreria con dipinti delle più prestigiose scuole italiane e straniere - tra i quali si annoverano opere di Domenico Beccafumi, Pontormo, Domenichino, Tintoretto, Luca Giordano. 

A Villa Guinigi, “residenza di delizie” quattrocentesca del Signore di Lucca, Paolo Guinigi, marito di Ilaria del Carretto, si snoda la storia della città dall’VIII secolo a.C. al neoclassicismo. Inoltre in una delle sale il Sarcofago in piombo di Antraccoli restaurato, racconta la vita e la sepoltura di un uomo nella Toscana del IV secolo d.C.

L'isola d'Elba napoleonica

All'isola d'Elba aperte le due residenze napoleoniche di Villa san Martino e della Palazzina dei Mulini. L’isola d’Elba custodisce la memoria della permanenza sull’isola di Napoleone Bonaparte (1814-1815).

Pisa e provincia

A Pisa aperti entrambi i musei nazionali di Palazzo Reale e San Matteo, con visite guidate gratuite alle collezioni alle 11. Al Museo nazionale di San Matteo sarà possibile ammirare tra l'altro una raccolta di pittura su tavola a fondo oro dei secoli XII-XIV, tra cui l’eccezionale gruppo di croci dipinte e il polittico firmato da Simone Martini (1320). Al Museo nazionale di Palazzo Reale la visita illustrerà le numerose opere d'arte appartenute alle corti che nei secoli hanno governato la città, dai Medici, ai Lorena e ai Savoia e le opere del collezionismo privato radunate in Pisa. 

Ancora, il Museo della navi antiche di Pisa sarà invece chiuso a Pasqua ma aperto il 10 e il 25 Aprile per un viaggio lungo 1.000 anni fatto di commerci e marinai, rotte e naufragi, navigazioni e vita di bordo e della storia della città di Pisa con 800 reperti esposti in 8 sezioni tematiche negli arsenali medicei.

La Certosa di Calci accoglie il pubblico con visite accompagnate nei suggestivi ambienti ricchi di arte e di storia che hanno ospitato l'ordine Certosino dal XIV al XX secolo, il chiostro grande, le celle dei monaci, la chiesa, le numerose cappelle, il refettorio e il capitolo e con una selezione di opere di Igor Mitoraj donate allo Stato nel 2018.

Pistoia e provincia

A Pistoia sarà aperta la Fortezza di Santa Barbara e dall'alto dei suoi camminamenti si potranno ammirare scorci inediti di Pistoia e visitare la mostra permanente Fortezza d’acqua. L’energia idraulica nella storia dell’uomo e solo su prenotazione l’Oratorio di San Desiderio e l’ex Chiesa del Tau. 

A Monsummano Terme in Valdinievole si potranno attraversare con visite accompagnate le stanze della casa museo del poeta Giuseppe Giusti e le sale del percorso espositivo digitale.

Provincia di Siena

In provincia di Siena sarà aperto il Museo nazionale Etrusco di Chiusi dove oltre agli innumerevoli capolavori, la Sfinge in pietra fetida, uno dei simboli del museo, introduce idealmente un percorso alle radici dell'identità toscana: dai vasi cinerari villanoviani come il Coperchio dell’abbraccio che rappresenta una straordinaria scena di abbraccio tra due figure in terracotta.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le fiamme si sono sviluppate a partire da un ufficio, andato completamente distrutto. Locali completamente invasi dai fumi di combustione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca