Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:10 METEO:FIRENZE14°25°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 06 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Stati Uniti, donna ammanettata nell'auto della polizia travolta da un treno merci

Attualità mercoledì 17 giugno 2015 ore 18:24

"Riccardo Viti è capace di intendere e di volere"

Secondo la perizia psichiatrica presentata davanti al Gup, il maniaco delle prostitute soffrirebbe di incontrollabili disturbi della personalità



FIRENZE — Riccardo Viti, l'idraulico di 55 anni, si trova in carcere per aver seviziato con pratiche masochistiche Andreea Cristina Zamfir, prostituta 26enne di origine romena, fino a ucciderla. 

Nel corso del processo con rito abbreviato che si sta celebrando al Tribunale di Firenze, è stata presentata davanti al giudice per l'udienza preliminare, David Monti,una perizia psichiatrica discussa da vari consulenti. Una perizia, disposta dalla procura, secondo cui Viti sarebbe capace di intendere e di volere e non avrebbe difetti psichiatrici parziali. 

In compenso, in alcune circostanze Viti sarebbe "affetto da gravi disturbi patologici della personalità" che lo renderebbero incapace di gestire le situazioni emotivamente stressanti.

"Abbiamo ricostruito con documenti - ha sottolineato il difensore di Viti, Francesco Stefani - che nel corso degli anni Riccardo Viti è uno che scappa dalle situazioni di stress, come infortuni sul lavoro e incidenti stradali, in cui si è trovato coinvolto numerose volte, anche con richiami disciplinari quando era dipendente di una ditta. Lui lascia tutto lì e se ne va".
"E' la stessa cosa - ha detto l'avvocato - che ha fatto negli episodi con le prostitute che gli si contestano. Anche nell'omicidio abbandonò la vittima: ma non perché volesse che morisse, bensì perché non comprese cosa succedeva e come agire. C'era un problema e Viti andò in tilt, nel pallone, non sapeva cosa fare, quindi se ne andò".

Per questo il legale ipotizza che si possa passare dall'accusa di omicidio volontario a quella di omicidio colposo. Intano il Tribunale ha fissato la prossima udienza per il 30 settembre, quando le porte dell'aula saranno aperte ai giornalisti e lo stesso Viti sarà presente per rilasciare alcune dichiarazioni. 

"Inoltre - ha concluso il suo legale - porteremo dei video che provano che non lasciava le prostitute incatenate ore, come lo accusano".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un giovane di 20 anni è stato arrestato dai carabinieri che sono intervenuti in soccorso di una giovane aggredita nel centro storico di Scandicci
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità