Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:25 METEO:FIRENZE13°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, strattonata e rapinata poi viene trascinata dal ladro con l'auto

Attualità giovedì 15 gennaio 2015 ore 16:30

La Firenze a Stelle e Strisce

Servizio di Tommaso Tafi

L'ambasciatore americano ha inaugurato il palazzo del consolato appena ristrutturato: "Mentre il mondo è in subbuglio, questa città è simbolo di pace"



FIRENZE — Ci sono voluti 6 milioni di dollari per restituire Palazzo Canevaro, sede del consolato americano a Firenze, al suo splendore originario. Una cifra messa a bilancio dal Dipartimento di Stato per tirare a lucido quello che è il simbolo della forte presenza statunitense a Firenze, dove risiedono 50 mila americani e dove ogni anno arrivano oltre 7000 studenti

Alla cerimonia di inaugurazione del palazzo hanno partecipato, oltre all'ambasciatore americano John R. Phillips, anche il vicedirettore dell'Ufficio edifici all'estero del Dipartimento di Stato, Heather Townsend, il governatore della Toscana, Enrico Rossi e Elisabetta Meucci, assessore comunale all'Urbanistica in rappresentanza del sindaco Dario Nardella. 

Tra gli invitati anche l'imam di Firenze e presidente dell'Ucoii (Unione delle comunità islamiche italiane), Izzedin Elzir.

"In questo periodo in cui il mondo è attraversato da forti tensioni - ha detto l'ambasciatore Phillips - la città di Firenze è simbolo di pace". Oltre che di bellezza, tanto che l'ambasciatore ha promesso che proverà a portare qui il presidente Barack Obama in occasione del suo prossimo viaggio in Italia - ancora non calendarizzato - prima che scada, tra due anni, il suo mandato alla Casa Bianca. 

Obama che ieri ha ricevuto una lettera di commiato dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano nel giorno del suo addio al Colle. Per questo Phillips ha voluto approfittare per mandare un saluto al capo dello Stato, lodandone il lavoro svolto "in una fase complicata per l'Italia" e auspicando che il suo successore abbia lo stesso alto profilo. "Questo - ha detto l'ambasciatore - per il bene dell'Italia, dei rapporti tra i nostri due Paesi e per il mondo intero".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Coi nuovi contenitori stradali digitali decolla la seconda fase della trasformazione della raccolta dei rifiuti all'insegna della circolarità
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità