Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:51 METEO:FIRENZE11°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 18 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Arte mercoledì 23 settembre 2015 ore 16:50

La Bellezza divina da Van Gogh a Fontana

A Palazzo Strozzi l'arte sacra vista da Van Gogh, Munch, Picasso, Matisse e altri celebri artisti. Tra le opere anche quella cara a Papa Francesco



FIRENZE — La "Bellezza divina" vista dai grandi maestri dell'arte. Una mostra dedicata alla riflessione sul rapporto tra arte e sacro tra metà Ottocento e metà Novecento attraverso oltre cento opere di importantissimi artisti italiani, tra cui Domenico Morelli, Gaetano Previati, Felice Casorati, Renato Guttuso, Lucio Fontana, Emilio Vedova, e internazionali come Vincent van Gogh, Jean-François Millet, Edvard Munch, Pablo Picasso, Max Ernst, Georges Rouault, Henri Matisse. 

Un confronto tra opere studiate da un punto di vista inedito, presentate accanto ad altre di artisti più o meno noti, il cui lavoro ha contribuito a determinare il panorama dell’arte moderna, non solo sacra. L’arte sacra è presentata come un “genere” che, sceso dagli altari, entra direttamente nel dibattito artistico tra Otto e Novecento riprendendo allo stesso tempo i grandi temi che da sempre animano la religiosità.

A cura di Lucia Mannini, Anna Mazzanti, Ludovica Sebregondi e Carlo Sisi, l’esposizione nasce da una
collaborazione della Fondazione Palazzo Strozzi con l'Ex Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, l’Arcidiocesi di Firenze e i Musei Vaticani e si inserisce nell’ambito delle manifestazioni organizzate in occasione del V Convegno Ecclesiale Nazionale, che si terrà a Firenze tra il 9 e il 13 novembre 2015, al quale interverrà anche papa Francesco.  A conclusione del percorso della mostra il Crocifisso Bianco di Chagall dall'Art Institute di Chicago, opera particolarmente cara a Papa Francesco che unisce il tema cristiano al dramma degli ebrei. E chissà che il Pontefice non colga l'occasione della sua visita a Firenze per ammirarla nuovamente.

"La nostra aspirazione - ha detto Lucia Mannini, una delle curatrici - è di proporre una mostra che possa essere letta, attraversata e goduta da un pubblico molto vario, da un pubblico cattolico, inevitabilmente, ma anche da un pubblico laico che possa apprezzare l'aspetto formale e stilistico delle opere, da un pubblico interessato alla storia che è sottesa a molte di queste, oppure da un pubblico che vi legge una sorta di vangelo illustrato".

Accanto ai nomi di Much, Bougereau, Moreau o Picasso, l'esposizione mette in risalto molti pittori italiani, che, sulla scia dell'Art Nouveau, raggiunsero una grande perfezione formale: da Adolfo De Carolis a Libero Andreotti, da Vittorio Corcos, da Galileo Chini a Pietro Bugiani.

Grandi protagonisti della mostra sono capolavori come L’Angelus di Jean-François Millet, eccezionale
prestito dal Museé d’Orsay di Parigi; la Pietà di Vincent van Gogh dei Musei Vaticani; la Crocifissione di Renato Guttuso delle collezioni della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma; la Crocifissione bianca di Marc Chagall, proveniente dall’Art Institute di Chicago, l’opera d’arte più amata da papa Bergoglio.
La mostra evidenza quanto universale e quanto ricco sia stato, nel secolo che si potrebbe considerare il più difficile del dialogo, il confronto tra arte e sacro.

La mostra è visitabile fino al 24 gennaio 2016.

LUCIA MANNINI SU MOSTRA BELLEZZA DIVINA - dichiarazione
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un ragazzo di 17 anni ha perso la vita sulle strade fiorentine dopo un impatto tremendo, lo scooter sarebbe finito contro un'auto e poi contro un muro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca