Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:46 METEO:FIRENZE12°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità mercoledì 08 giugno 2016 ore 16:10

Il Toscana Pride alla conquista di Firenze

Per la prima volta il Pride per i diritti di gay lesbiche e transessuali arriva nel capoluogo toscano. Il 18 giugno sono attese 10mila persone



FIRENZE — E' il debutto fiorentino del Toscana Pride. Una 'prima volta' che arriva anche a pochi giorni dall'entrata in vigore della legge Cirinnà sulle unioni civili in Italia e che il 18 giugno vedrà sfilare nelle vie del centro storico una folla colorata di persone. Non necessariamente si tratterà di LGBTQUI, acronimo di lesbiche, gay, bisex, trans, queer e intersex perché il Pride, spiegano gli organizzatori, è aperto a tutti e non potrebbe essere altrimenti. 

La parata partirà alle 16 da piazza d'Azeglio e attraverserà tutto il centro fino a piazza Indipendenza per il concerto finale. Le iniziative legate alla manifestazione, però, inizieranno già il 9 giugno con la giornata inaugurale con il convegno "Welfare e lavoro" nella sede della Regione Toscana e proseguiranno con il Toscana Pride Park, sede di incontri e dibattiti dall'11 al 19 giugno alla Limonaia di Villa Strozzi. 

Musica e colori, ma per il Pride c'è anche un orizzonte d'azione politico che punta al riconoscimento della parità dei diritti e alla legittimazione dei legami affettivi, come hanno ricordato la portavoce del comitato promotore Barbara Caponi e la direttrice artistica Valeria Santini nel corso della presentazione in palazzo Strozzi Sacrati a Firenze. Questioni che, spiegano gli organizzatori, restano aperte nonostante la Cirinnà. Anche per questo nel corso del Toscana Pride saranno avanzate anche ulteriori rivendicazioni dell'universo arcobaleno: legge contro l'omotransfobia, matrimonio egualitario, accessibilità all'adozione e alla procreazione medicalmente assistita, oltre alla piena attuazione della legge regionale 63/2004 contro le discriminazioni.

"In Europa non esiste una legge che metta insieme le unioni civili con le adozioni - commenta il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi che ha annunciato la sua presenza al Pride - dopo questa conquista è bene che il Parlamento torni a riunirsi e a parlarne in modo serio e soprattutto senza strumentalizzazioni". 

Servizio di Dario Pagli
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La polizia municipale ha diramato le fotografie di quattro biciclette recuperate al fine di individuarne i proprietari per la restituzione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità