Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«È la mia ragazza», il coming out di Lucilla Boari

Cronaca giovedì 15 febbraio 2018 ore 15:27

Uccise la moglie malata, nessuna attenuante etica

I giudici di Cassazione hanno confermato la condanna a carico dell'anziano fiorentino che, nel 2014, uccise la moglia ammalata di Alzheimer



FIRENZE — La Cassazione non ha riconosciuto alcuna attenuante di tipo etico per il fiorentino ultraottantenne che nel marzo 2014 strangolò con una sciarpa la moglie affllitta da Alzheimer. L'uomo, G.V. le sue iniziali, andò a costituirsi un'ora dopo il delitto: "Non ce la facevo più" confessò alle forze dell'ordine.

I giudici della suprema corte, pur riconoscendo che il pensionato ha preso una decisione "difficile e disperata" quando ormai non era più in grado di sopportare "il decadimento fisico e cognitivo della moglie", hanno confermato la condanna a suo carico a sette anni e otto mesi di reclusione. A loro avviso, in Italia  sull'eutanasia non esiste ancora "un generale apprezzamento" da parte della società, anzi, ci sono "ampie correnti di pensiero contrarie". Di conseguenza, secondo i giudici, non è possibile riconoscere al pensionato "l'attenuante etica" richiesta dai suoi difensori che invece avevano definito un valore condiviso "quello di porre fine alle sofferenze della persona, conformemente ai suoi desideri espressi in vita".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo ormai senza vita rinvenuto la notte scorsa nei pressi degli orti sociali è di un uomo che era privo di documenti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità