Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Firenze, assalti con esplosivo agli sportelli bancomat: ecco come agivano

Arte giovedì 30 settembre 2021 ore 18:40

Scintillanti e ironiche, le sculture pop di Koons

Una delle opere di Jeff Koons

Le grandi installazioni della superstar americana dell'arte contemporanea Jeff Koons in mostra a Palazzo Strozzi con l'esposizione "Shine"



FIRENZE — Palloncini, giocattoli, decorazioni natalizie, gonfiabili, Hulk verdi installazioni e sculture scintillanti che riflettono l'arte della superstar dell'arte contemporanea Jeff Koons, opere esposte in una grande personale a Palazzo Strozzi a Firenze.

La mega mostra si chiama Shine e dal 2 Ottobre ospita le sculture ironiche dell'artista americano, una delle figure più importanti e discusse dell’arte contemporanea a livello globale.

La mostra Jeff Koons. Shine ospita prestiti provenienti dalle più importanti collezioni e dai maggiori musei internazionali, proponendo come originale chiave di lettura  dell’arte di Koons il concetto di shine (lucentezza) inteso come gioco di ambiguità tra splendore e bagliore, essere e apparire. 

Protagoniste sono opere che raccontano oltre 40 anni di carriera, dalle celebri sculture in metallo perfettamente lucido che replicano oggetti di lusso, come il Baccarat Crystal Set (1986) o gli iconici giocattoli gonfiabili quali i celebri Rabbit (1986) e Balloon Dog (Red) (1994-2000), fino alla re-interpretazione di personaggi della cultura pop come Hulk (Tubas) (2004-2018), o alla re-invenzione dell’idea di ready-made  con l’utilizzo di oggetti di uso comune come One Ball Total Equilibrium Tank (Spalding Dr. JK 241 Series) (1985). 



Autore di lavori entrati nell’immaginario collettivo grazie alla capacità di unire cultura alta e popolare, dai riferimenti alla storia dell’arte alle citazioni del mondo del consumismo, Koons trova nell’idea di lucentezza un principio chiave delle sue innovative sculture e installazioni che mirano a mettere in  discussione il nostro rapporto con la realtà ma anche il concetto stesso di opera d’arte. 

Le opere dell’artista americano pongono lo spettatore davanti a uno specchio in cui riflettersi e lo collocano al centro dell’ambiente che lo circonda. Come afferma lo stesso Koons: "Il lavoro dell'artista consiste in un  gesto con l’obiettivo di mostrare alle persone qual è il loro potenziale. Non si tratta di creare un oggetto o un’immagine; tutto avviene nella relazione con lo spettatore. È qui che avviene l'arte". 





Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incendio è divampato in piena notte nell'appartamento al terzo piano, coinvolgendo anche quello al piano superiore. Entrambi sono inagibili
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità