QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 12 novembre 2019

Attualità giovedì 13 ottobre 2016 ore 17:16

Memoria della tragedia per un futuro in sicurezza

Alluvione 1966

I vigili del fuoco per i 50 anni dall'alluvione di Firenze hanno organizzato alcuni eventi per costruire una cultura della prevenzione dalle calamità



FIRENZE — Due giorni dedicati al ricordo di quel 4 novembre 1966 quando l'Arno straripò e le sue acque invasero il centro di Firenze, ma anche il resto della Toscana, le province di Arezzo, Pisa, Grosseto; e il 18 e 19 ottobre i vigili del fuoco hanno organizzato una serie di eventi per i giovani delle scuole in piazza della Signoria a Firenze, per costruire le basi per una cultura della prevenzione in caso di calamità, partendo dalla memoria del passato per un futuro in sicurezza.

Nella due giorni verranno coinvolte le scuole con attività ludico- formative dove il tema principale sarà quello dell’autoprotezione in caso di calamità. Le iniziative per celebrare il mezzo secolo dal quel tragico autunno saranno molte come il ritorno degli angeli del fango a Firenze il 4 novembre.

Nel primo pomeriggio del 18 ottobre ci sarà il momento più solenne della manifestazione con la cerimonia della “benedizione degli elmi” da parte del Preposto della Cattedrale, Monsignor Giancarlo Corti. Terminata la fase religiosa della cerimonia i “pompieri di Ieri, di Oggi e di Domani” sfileranno per Via Calzaiuoli.

Seguirà poi un programma dedicato alle Università dove oltre a parlare delle nuove tecnologie applicate al soccorso, alla autoprototezione in caso di calamità e le esperienze dirette verrà dato un ampio spazio alle nuove figure professionali tra ingegneri, architetti e psicologi che nell’ambito del soccorso e delle nuove frontiere internazionali aprono scenari importanti di collaborazione, studio nonché di prospettive di lavoro.

L’incontro clou della giornata si svolgerà alle 18.00 presso la Ex Chiesa di San Piero a Scheraggio dove si potrà assistere all’incontro di tre generazioni che portando le rispettive esperienze faranno emergere differenze, miglioramenti ed aspettative: il “Salotto dell’Emergenza”, prevede la presenza del Capo Reparto in Quiescenza Gino Cacace, autore anche del Libro “Quando gli Altri Piegano le Gambe”, Capo Reparto Marco Scalella, attualmente in servizio presso il Comando di Firenze e facente parte della prima squadra di Firenze intervenuta ad Amatrice ed infine tre bambini figli di vigili del fuoco che ci racconteranno il loro punto di vista, come vivono queste emozioni spesso riportate dal proprio papà o dalla propria mamma.

La banda del Corpo nazionale dei vigili del fuoco concluderà questa intensa giornata con un concerto sotto la suggestiva Loggia dei Lanzi.

La giornata di mercoledì 19 ottobre sarà dedicata ad un convegno prettamente scientifico per gli addetti ai lavori ed universitari, presso la cappella dei Pazzi in piazza Santa Croce, sul tema del “Flooding Rescue: il soccorso tecnico oggi di fronte ai cambiamenti climatici” che vedrà gli interventi, moderati dall’ing. Cosimo Pulito – Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica dei Vigili del Fuoco, con Gregorio Agresta il direttore regionale dei vigili del fuoco della Toscana, Piero Cimbolli Spagnesi, Nicola Casagli, Massimiliano Pasqui, Michel Cives Etat, Giuseppe Romano, direttore Centrale per l’Emergenza Ministero dell’Interno. Concluderà i lavori del convegno il capo del corpo nazionale dei vigili del fuoco, Gioacchino Giomi.

Servizio di Serena Margheri


Tag

#Theblackout, la campagna contro l'alcol alla guida: «Ecco come ho ucciso il mio miglior amico»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità