Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:40 METEO:FIRENZE13°25°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 24 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rio de Janeiro, il Cristo Redentore illuminato con le foto del Papa

Cronaca lunedì 04 dicembre 2023 ore 21:50

Commerciante ucciso, gli arrestati fuggivano in Brasile

polizia aeroporto

I due fratelli, indagati per omicidio e rapina aggravati, sono stati bloccati allo scalo di Bologna con un biglietto di sola andata



FIRENZE — Avevano in tasca un biglietto di sola andata per il Brasile, e stavano tentando di imbarcarsi all'aeroporto di Bologna i due fratelli di 19 e 24 anni arrestati quali presunti autori dell'omicidio del commerciante iraniano il cui corpo è stato rinvenuto giovedì scorso a Firenze, mani legate e sacchetto in testa, all'interno del suo appartamento.

I due, ha spiegato oggi il procuratore capo di Firenze Filippo Spiezia, sono stati fermati quando la Polaria si è resa conto che dai loro documenti entrambi risultavano irregolari in Italia. Da lì è emersa la loro posizione, così sono stati trasferiti a Firenze e sottoposti a fermo d'indiziato di delitto. Sono indagati per omicidio aggravato dal fine di rapina e per rapina aggravata.

I fratelli sono un dipendente e un ex dipendente del commerciante 72enne, una vita spesa dietro a un banco dello storico mercato del Porcellino, nel centro del capoluogo toscano, del quale era titolare.

L'agguato

E proprio l'incasso di quel banco sarebbe stato, secondo le ipotesi investigative, nelle mire dei due fratelli che ben conoscevano le abitudini della vittima. I due avrebbero attuato nei confronti dell'anziano un vero e proprio agguato, incappucciati. Mentre uno faceva da palo, l'altro sarebbe entrato in azione quando l'uomo è rincasato nella sua abitazione al sesto piano di una palazzina alla periferia di Firenze.

Erano più o meno le 18,30 del 29 Novembre e alle violente percosse sarebbe seguita l'applicazione del nastro adesivo su occhi e bocca, poi le braccia legate dietro la schiena ancora col nastro adesivo, quindi il sacchetto di tessuto calato sul viso.

L'abitazione - al momento del rinvenimento del cadavere da parte di un fratello e di un nipote del commerciante, il giorno dopo - era a soqquadro, plausibilmente rovistata per trovare il denaro. 

Le indagini

L'autopsia indica nell'asfissia il motivo della morte dell'anziano, dopo un'agonia durata per 18 ore.

Determinanti per imprimere una svolta alle indagini sono state le immagini riprese dagli impianti di videosorveglianza pubbliche e del condominio: i due vi sarebbero ripresi, incappucciati, mentre pedinano il 72enne. I tabulati telefonici hanno fatto il resto, collocando i due negli stessi luoghi in cui si trovava la vittima e negli stessi momenti.

Dopo il fermo all'aeroporto di Bologna, la casa dei fratelli è stata perquisita: lì c'erano abiti che agli investigatori sono parsi proprio quelli con cui erano stati immortalati nei filmati del 29 Novembre.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto nel centro storico del capoluogo toscano. L'autista e i passanti hanno dato l'allarme, poi la corsa in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità