Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:26 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
In Colombia arrestato Dario Antonio Usuga: era il narcotrafficante più ricercato del Paese

Cronaca mercoledì 30 settembre 2015 ore 13:02

Corruzione all'Anas, tre cantieri sotto inchiesta

Gli appalti toscani finiti nel mirino della procura fiorentina riguardano opere in provincia di Prato, Massa Carrara e sulla Tosco-Romagnola



FIRENZE — Nell'ambito dell'inchiesta Strade d'oro sono state indagate 24 persone mentre sono finiti agli arresti domiciliari per corruzione quattro persone: il capo di compartimento di Anas Toscana Antonio Mazzeo, il caposervizio amministrativo di Anas Toscana Roberto Troccoli, il funzionario Nicola Cenci e l'imprenditore Francesco Mele. Decine le perquisizioni eseguite nelle ultime ore da Polizia stradale e Guardia Forestale.

I tre appalti al centro delle indagini riguardano lavori di somma urgenza sulla strada statale Tosco-Romagnola costati 200mila euro, un altro intervento in provincia di Prato che ha richiesto un investimento di 3 milioni e 258mila euro e la manutenzione straordinaria di una strada in provincia di Massa Carrara per una spesa di 499.900 euro. Il sistema corruttivo era costruito su una tangente del 5 per cento sugli importi dei lavori.

"L'aggiudicazione degli appalti avveniva sfruttando nella maggior parte dei casi lo stato di emergenza e di necessità causato da calamità naturali - ha spiegato il procuratore Giuseppe Creazzo illustrando i dettagli dell'operazione - L'imprenditore ai domiciliari agiva, per sua stessa ammissione, fornendo il pacchetto completo, faceva pure i sopralluoghi. Negli uffici dell'Anas era di casa, arrivava a predisporre anche le documentazioni, il bando e altro".

Sulle modalità e le procedure di aggiudicazione degli appalti in Toscana anche Anas ha annunciato l'avvio di un controllo interno.

"Anas esprime la massima fiducia nella procura che coordina le indagini dell'inchiesta Strade d'oro - si legge in un comunicato inviato dall'azienda agli organi di informazione - In attesa degli esiti dell'inchiesta, Anas offrirà la massima collaborazione alla magistratura e avvierà un audit interno sui dirigenti e i funzionari coinvolti".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Recensioni negative e paura dell'abbandono dei rifiuti, queste le reazioni sui social alla notizia delle chiavette necessarie all'uso dei cassonetti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cultura

Attualità