Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:46 METEO:FIRENZE10°17°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lite Conte-Lautaro, il finto match di boxe ad Appiano

Attualità giovedì 26 marzo 2015 ore 13:00

Campi estivi nei musei e nelle biblioteche

Le prime giornate sperimentali, frutto di un accordo fra Regione e Anci Toscana, si terranno a Pasqua nelle province di Siena, Pisa e Firenze



FIRENZE — Il nuovo servizio è rivolto agli studenti delle scuole medie e elementari ed è stato presnetato dalla presidente di Anci Toscana Sara Biagiotti e dall'assessore regionale Sara Nocentini.

Durante le prossime vacanze pasquali, per avvicinare le generazioni più giovani ad un rapporto con le strutture museali liberato da pregiudizi e resistenze ma di qualità, cinque musei organizzeranno un programma comprendente attività ludico-educative, laboratori creativi, escursioni e momenti di relax. Si tratta del museo Horne, del museo Marino Marini e del museo di Palazzo Vecchio a Firenze; di quello di Santa Maria della Scala a Siena; del museo di Storia Naturale di Calci a Pisa.

Dopo le prime cinque giornate sperimentali, Regione e Anci valuteranno i risultati e definiranno i criteri per l’attivazione dei centri estivi. I finanziamenti verranno erogati attraverso una graduatoria delle proposte presentate da musei e biblioteche toscane. Il tutto con il supporto operativo dei Comuni interessati e una cabina di regia per coordinare tutte le fasi del progetto. 

"Questo è un progetto che avvicina i nostri ragazzi al mondo dell'arte e della cultura in maniera semplice e giocosa, e li aiuta a diventare cittadini più consapevoli domani - ha dichiarato Sara Biagiotti - Con questo esperimento pilota, Anci offre il proprio contributo con l'obiettivo di creare un nuovo modo di operare e di creare nuove sinergie, grazie ad un'attività di coordinamento che cercherà di coinvolgere il maggior numero di Comuni. I centri estivi in musei e biblioteche aiuteranno i giovani studenti a socializzare e a crescere divertendosi ed imparando cose nuove".

"I musei devono diventare sempre più luoghi di vissuto quotidiano - sottolinea l'assessore regionale Nocentini - e il progetto dei Campus è davvero una sperimentazione educativa e formativa che dovrà trovare sbocco in una rinnovata strutturazione degli interventi per i centri estivi . Attraverso forme di gioco, le nuove generazioni possono entrare a contatto con il museo non più vissuto come luogo vecchio e polveroso, ma come passaggio importante di esperienze significative di formazione, grazie ad una didattica incentrata sul gioco, sull'interazione, sull'apprendimento esperenziale dell'ascolto e dell'osservazione".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune di Firenze ha avviato l’iter per la chiusura definitiva del locale che ha violato più volte le chiusure imposte per le norme anti-covid
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità