Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«È la mia ragazza», il coming out di Lucilla Boari

Attualità venerdì 08 dicembre 2017 ore 12:29

Al riparo dal freddo con l'amico a quattrozampe

Le persone in difficoltà economica o rimaste senza casa possono entrare nel centro di accoglienza Slataper di Firenze insieme ai loro amici animali



FIRENZE — Possono finalmente entrare insieme ai loro inseparabili amici a quattrozampe gli ospiti del centro di accoglienza Slataper. Per la prima volta a Firenze la struttura gestita dalla cooperativa Il Cenacolo, aderente al Consorzio Co&So, dove trovano riparo le persone in condizioni di precarietà economica e abitativa, apre le porte agli animali.  

"Spesso l’impossibilità di ospitare l’animale da compagnia impedisce alle persone di accettare l’accoglienza" ha dichiarato il direttore del centro Slataper, Andrea Ricotti. Qualche esempio?

“Un anno fa nel corso di uno sgombero di un’abitazione occupata, a una coppia italiana è stata proposta l’ospitalità in una struttura di accoglienza, ma è stato spiegato loro che non era possibile portare anche la loro Lulù, una cagnetta lunga appena 30 centimetri - spiega Ricotti - Il marito, per protesta, ha allora preso un coltello e si è tagliato la guancia. Sappiamo bene come un cane possa rappresentare in situazioni di disagio l’unico legame affettivo rimasto”.

Un regolamento spiega a quali condizioni gli animali posso essere ospitati, restare a fianco dei loro proprietari e ripararsi dal freddo di questi giorni: innanzitutto devono essere vaccinati e avere il microchip che li identifica. Una volta dentro il centro, dove coabitano persone molto diverse, non possono essere lasciati liberi di circolare negli spazi comuni, interni ed esterni, senza guinzaglio. 

C’è un’altra fondamentale regola: per ragioni di sicurezza non possono essere ospitati cani che rientrano nella lista delle razze pericolose e sono di taglia medio-grande e grandi. Tra questi quindi rottweiler, cani da pastore, pit bull, bulldog, mastini napoletani: il regolamento elenca nel dettaglio tutte le razze non ammesse che in tutto sono diciassette.

È responsabilità dei loro proprietari che i cani non abbaino e non sporchino. In caso di trasgressione gli operatori prenderanno provvedimenti e tra questi il vecchio sistema di prevedere il trasferimento dell’animale nel canile comunale. 

“Le regole servono per permettere una serena convivenza con le altre persone, italiane e straniere, adulti e bambini che si trovano nel nostro ‘condominio sociale’ e che condividono spazi comuni, creando collaborazioni e relazioni” sottolineano gli operatori del centro di via Slataper.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo ormai senza vita rinvenuto la notte scorsa nei pressi degli orti sociali è di un uomo che era privo di documenti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità