Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:51 METEO:FIRENZE11°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 18 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità martedì 28 aprile 2015 ore 13:40

Tasse sulle imprese, Firenze nella top ten

Ma anche Grosseto supera la media nazionale. L'indagine sul peso del fisco è stata effettuata dall'osservatorio della Cna sui 113 capoluoghi italiani



FIRENZE — Il peso complessivo del fisco (total tax rate) sulle piccole imprese e sugli artigiani nel 2015 arriverà al 62,2 % (dato medio nazionale). In Toscana però ci sono 2 capoluoghi di provincia che superano questa media, Firenze e Grosseto. 

A Firenze, quinto posto in Italia, la pressione fiscale sarà del 70,9%; a Grosseto, trentunesimo posto in Italia, del 64,1%.

“La pressione fiscale sulle imprese è un mostro che divora le loro risorse e il loro lavoro - spiega il direttore CNA Toscana Saverio Paolieri - Le imprese fiorentine lavoreranno fino al 15 settembre per pagare le tasse; quelle di Arezzo, la città con la tassazione globale più bassa fra i capoluoghi toscani, fino al 24 luglio. E il reddito che resta alle imprese dopo aver pagato le tasse va dal 29,1% di Firenze al 43,7% di Arezzo”. 

Quindi, se il reddito d’impresa è di 50mila euro all'anno, dopo aver pagato tutte le tasse i 50mila euro nel 2015 diventano a Firenze 14.544 euro, ad Arezzo 21.838.

“È insostenibile, come si può sperare nella ripresa economica quando le nostre imprese sopportano un peso così enorme? - commenta Paolieri - Confrontando il 2014 con il 2015, dal nostro studio risulta una diminuzione del peso complessivo del fisco dell’1,7 per cento (dal 63,9 per cento del 2014 al 62,2). Non è sufficiente. È necessario ridurre in maniera incisiva la tassazione su artigianato e piccole e medie imprese e semplificare, sia a livello centrale sia a livello locale, gli adempimenti che determinano costi indiretti sulle aziende diminuendone o la produttività. Solo così si può restituire fiato e competitività al nostro sistema economico”.

Per la cronaca, la città con la maggiore pressione fiscale sulle imprese d'Italia è Reggio Calabria con il 74,9 per cento, seguita da Bologna, Napoli, Roma e Firenze (tutte sopra al 70 per cento).

Quelle con la pressione più bassa in assoluto è Cuneo (54,5 per cento). La precedono Gorizia, Sondrio, Belluno e Udine.

Valter Tamburini - video
Saverio Paolieri - video
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un ragazzo di 17 anni ha perso la vita sulle strade fiorentine dopo un impatto tremendo, lo scooter sarebbe finito contro un'auto e poi contro un muro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca