Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:37 METEO:FIRENZE12°17°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Raid su Gaza distrugge edificio di 12 piani, il momento del crollo

Cronaca lunedì 19 aprile 2021 ore 15:01

Aggredito al supermercato, lo salva un carabiniere

Il militare libero dal servizio ha bloccato l'autore dell'aggressione e poi lo ha fatto arrestare per resistenza a pubblico ufficiale



SIGNA — Un carabiniere libero dal servizio è intervenuto in aiuto di un cittadino aggredito facendo arrestare l'autore per resistenza a pubblico ufficiale. Tutto è accaduto nel corso della mattinata di ieri, presso il supermercato Penny Market di Signa.

Il militare mentre era a fare la spesa è intervenuto per sedare una lite dove un cittadino era stato strattonato e ingiuriato. Il carabiniere si è qualificato e si è frapposto tra i due uomini, riuscendo con non poche difficoltà a bloccare l'aggressore che dopo il suo intervento ha cercato di far perdere le proprie tracce. 

Nel frattempo, visto che l'uomo si rifiutava di fornire le proprie generalità mantenendo un atteggiamento ostile, il militare ha richiesto il supporto dei colleghi. Anche di fronte ai carabinieri della stazione di San Piero a Ponti ha continuato a mantenere un atteggiamento ostile rifiutando di fornire le proprie generalità, di salire a bordo dell'auto di servizio e tentando di divincolarsi. 

Alla fine l'uomo, un 44enne romeno, pluripregiudicato, sul quale grava l'obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria, è stato identificato e arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Paura e rabbia tra i residenti per il raid sulle auto in sosta nel quartiere. Le vetture sono state sventrate per asportare fari e navigatori
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità