Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 03 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Col braccio in silicone a fare il vaccino, l'infermiera: «L'ha definito un costume di scena»

Attualità lunedì 04 luglio 2016 ore 15:52

Ospedali, cosa cambia in luglio e agosto

Per garantire la massima operatività e le ferie del personale, l'Azienda Usl Toscana centro la predisposto un piano di riorganizzazione dei 13 presidi



FIRENZE — Il piano riguarda ospedali San Jacopo di Pistoia, S.S. Cosma e Damiano di Pescia, San Giuseppe di Empoli, Degli Infermi di San Miniato, San Pietro Igneo di Fucecchio, San Giovanni di Dio, Santa Maria Nuova, Piero Palagi e Santa Maria Annunziata di Firenze, Serristori di Figline Val D’Arno, Borgo San Lorenzo, Santo Stefano di Prato e L. Pacini di San Marcello, per un totale di 2.735 posti letto:

Come sempre avviene nei mesi estivi, sarà ridotta la programmazione degli interventi chirurgici. Non subiranno invece modifiche sostanziali anche le attività di emergenza e urgenza, le terapie intensive, sub intensive, le cardiologie, l'internistica, la psichiatria. Inalterati anche i percorsi assistenziali e terapeutici per coloro che sono affetti da patologie oncologiche e croniche (ad esempio i dializzati).

Nessuna variazione è prevista per le strutture situate in territori a vocazione turistica come, ad esempio, il Mugello e San Marcello, sulla montagna pistoiese.

Nel mese di luglio saranno invece temporaneamente chiusi i reparti di day surgery-chirurgia di un giorno negli ospedali di Pistoia, Pescia, Empoli, Serristori e Borgo San Lorenzo. In totale si tratta un’ottantina di posti letto: i pazienti saranno comunque accolti negli altri setting chirurgici tutti pienamente operativi. 

Solo al Santa Maria Nuova, al Santa Maria Annunziata e al Santo Stefano i posti letto chirurgici vengono ridotti rispettivamente da 32 a 16, da 24 a 18 e da 32 a 16, in concomitanza con la riduzione dell’attività programmata.

L’area medica sarà potenziata al San Giovanni di Dio per accogliere parte dell’attività svolta dall’osservazione breve intensiva e i quattro posti letto di alta complessità assistenziale.

Nell’ospedale di Prato nei cinque setting di area medica (per un totale di 247 posti letto) è prevista una riduzione di 28 posti letto e restano, sempre a Prato, attivi 19 posti letto di medicina interna presso la casa di cura accreditata Villa Fiorita ad accesso diretto dal pronto soccorso, oltre i 24 posti letto di cure intermedie.

L’area materno infantile riduce invece la propria attività in pediatria e neonatologia al Santa Maria Annunziata (3 posti letto in meno), a Borgo San Lorenzo (7 posti letto in meno) e a Prato (8 posti letto in meno).

Nel mese di agosto, soprattutto nelle settimane centrali, l’attività di area chirurgica subirà un ulteriore diminuzione con la chiusura dei reparti di week surgery - a Pistoia e a Pescia, di day surgery a Empoli, con la sospensione di tutti gli interventi di artroprotesi al San Pietro Igneo e la riduzione di 40 posti letto a Prato.

Saranno invece 7 i posti letto in meno di terapia intensiva e sub intensiva (ospedali di Empoli, Firenze e Prato) sui complessivi 112 a disposizione di tutta l’area.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I fiorentini si erano abituati al servizio di Ataf che permetteva di geolocalizzare le vetture e conoscere in tempo reale il ritardo degli autobus
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità