comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 15°22° 
Domani 13°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 27 maggio 2020
corriere tv
Open Arms, Salvini: 'Giustizia è fatta, ho bloccato uno sbarco e aiutato il mio Paese'

Politica martedì 29 novembre 2016 ore 17:32

Renzi chiude a Firenze la campagna per il sì

matteo renzi

Venerdì 2 dicembre il premier e segretario del Pd concluderà in piazza della Signoria la campagna referendaria. In Toscana mille comitati per il Sì



FIRENZE — Rush finale per la campagna referendaria a favore del SÌ anche in Toscana dove venerdì sera alle 21 si chiuderà la campagna nazionale con Matteo Renzi in piazza Signoria a Firenze.

Oggi il comitato regionale del Sì al referendum costituzionale del 4 dicembre diffonde il dato finale dei comitati che si sono formati nella regione in questi mesi, che ha raggiunto quota mille: circa 300 a Firenze, 150 tra Prato e Pistoia, 250 nell’area di Lucca e Massa Carrara, 150 tra Pisa e Livorno, 150 nell’area della Toscana sud.

I comitati, con almeno 5 componenti ciascuno, sono stati formati prevalentemente con una logica territoriale, in frazioni o quartieri, ma è consistente anche la diffusione di comitati tematici su sanità, o composti da giuristi o studenti, per fare alcuni esempi.

Sempre oggi anche in Toscana decine di sindaci sono scesi in piazze e strade dei loro comuni per la giornata di mobilitazione #bastaunsindaco.

“Devo ringraziare dirigenti, amministratori, militanti, che non si sono risparmiati - ha commentato il segretario regionale Dario Parrini - Hanno dato il massimo e continueranno a impegnarsi a fondo anche nei prossimi giorni, fino all'ultimo secondo della campagna elettorale. L'alternativa è tra questa riforma o nessuna riforma per chissà quanti anni. O Sì o mai più. O si sblocca il Paese o si torna nella palude dei veti incrociati, alla stagione dell'immobilismo e dell'impotenza riformatrice. Questa è la scelta che dovremo fare il 4 dicembre. L'Italia non può lasciarsi sfuggire questa occasione perché non può permettersi governicchi o governi tecnici che, come l'ultimo che abbiamo avuto, approvano stangate in nome del "ce lo chiede l'Europa”. Da questo punto di vista abbiamo già dato con le tasse di Monti e la riforma Fornero. Il bis di una cosa del genere è da scongiurare a ogni costo".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Lavoro