comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 25°27° 
Domani 25°35° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 06 luglio 2020
corriere tv
Decreto rilancio, ecco le novità da sapere

Attualità sabato 14 febbraio 2015 ore 14:30

I lavoratori dei musei: "Non siamo fantasmi"

Flash mob in piazza Signoria dei dipendenti dei servizi aggiuntivi, di portierato e pulizia, per chiedere garanzie su contratto e posti di lavoro



FIRENZE — Si sono dati appuntamento alle 12 in piazza Signoria in circa 300, indossando con maschere bianche sul volto e lenzuola bianche, per ribadire di non voler essere cosiderati "Lavoratori fantasma". Così i lavoratori che da 17 anni si occupano di biglietterie, prenotazioni, book-shop, guardaroba, mostre e accoglienza dei musei statali hanno deciso di manifestare per chiedere diritti e un pieno riconoscimento del loro lavoro.

Al centro della protesta, la preoccupazione che la riforma Franceschini sull'organizzaizone dei musei porti ad una parcellizzazione delle gare di appalto, e la perdita dei posti di lavoro. "Per questo tra le richieste dei manifestanti- ha spiegato Vanessa Calcerini della Filcams Cgil - c'è il riconoscimento della clausola sociale che imponga il riassorbimento del personale finora impegnato nelle stess mansioni, assiema al matenimento dei livelli occupazionali e dei livelli retributivi".

I servizi aggiuntivi nei musei statali di Firenze sono infatti regolati ad concessione scaduta nel 2006: da allora le circa 300 persono continuano a lavorare ma in stato di precarietà. Nel 2010 è stato siglato un protocollo d'intesa, sul mantenimento dell'occupazione di tutti i lavoratori attivi, tra ministero, Confcommercio settore terziario, Fipe pubblici esercizi e le organizzazioni sindacali. Che ora si chiede di applicare pienamente.

Vanessa Calcerini Filcams-Cgil - Dichiarazione


Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità