Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:40 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 16 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità venerdì 06 febbraio 2015 ore 11:10

Mucche in piazza contro il paradosso del latte

Servizio di Tommaso Tafi

Protesta nazionale della Coldiretti, che ha portato 300 allevatori a Firenze: "Le multinazionali comprano latte all'estero e qui chiudono le stalle"



FIRENZE — E' il paradosso del latte. Ogni giorno in Toscana spariscono 5 mucche e negli ultimi 25 anni 20 mila stalle hanno chiuso i battenti. Eppure si consuma sempre più latte, tanto che le multinazionali importano il 360% di latte in più rispetto a quanto ne producono gli allevatori toscani.

Risultato: non c'è controllo sulla provenienza nè sulle percentuali di latte straniero presenti in burro e formaggi.
A questo si aggiunge la decisione dell'unione europea di cancellare le quote latte a partire da marzo, e questo si tradurrà in una liberalizzazione definitiva del mercato di cui beneficeranno gli allevatori stranieri i cui costi di produzione sono più bassi.

Per tutte queste ragioni la Coldiretti ha deciso di portare in decine di piazze in tutta italia allevatori e mucche, in modo da riallacciare un legame tra campagna e città. A Firenze 300 persone circa si sono riversate in piazza della Repubbilca. "Il latte costa 1,50 centesimi al litro sugli scaffali del supermercato - ha sottolineato Tullio Marcelli presidente della Coldiretti Toscana - ma agli allevatori arrivano meno di 35 centesimi. Negli ultimi 6 mesi poi la forbice tra costo al dettaglio e ricavo per gli agricoltori si è allargata a dismisura, visto che le multinazionali hanno iniziato a importare massicciamente latte dall'est europa".

Per questo Marcelli chiede un intervento all'Ue e al governo per certificare la provenienza del latte e dei prodotti derivati, in modo da tutelare quelli italiani.

E in quest'ottica si inserisce l'appello per la Mukki. "Anche se il marchio verrà ceduto - ha detto Marcelli - l'importante è che ci siano garanzie per gli agricoltori del Mugello e per i consumatori".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Noto in tutto il mondo, il professore di Ingegneria Elettronica all’Università di Firenze è stato tra i fondatori della società fiorentina El.En.
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità