Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:46 METEO:FIRENZE12°20°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità lunedì 10 agosto 2015 ore 16:21

Le celebrazioni per la Liberazione di Firenze

​Settantunesimo anniversario della Liberazione, cerimonie in piazza dell’Unità Italiana e in Palazzo Vecchio Inaugurazione dell'opera simbolica "Iter"



FIRENZE — Le celebrazioni del Settantunesimo anniversario della Liberazione di Firenze si apriranno domani alle 7, con i rintocchi della Martinella, la campana della Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio che l’11 agosto 1944 annunciò alla città il ritorno alla libertà e alla democrazia.

Alle 10 poi in piazza dell’Unità Italiana è prevista la deposizione di una corona di alloro da parte delle autorità civili, religiose e militari al monumento ai Caduti di tutte le guerre.
Al termine della cerimonia partirà il corteo diretto a Palazzo Vecchio, con al seguito i Gonfaloni di Firenze, della Regione Toscana, della Città metropolitana e dei vari Comuni dell’area fiorentina, oltre ai labari della federazione delle associazioni partigiane e della associazioni d’arma e combattentistiche.

Nel Salone dei Cinquecento alle 10.45 sono in programma i saluti del sindaco Dario Nardella e l’intervento del professor Zeffiro Ciuffoletti dal titolo "La città, il coraggio e la libertà".
Le celebrazioni si concluderanno in serata in piazza della Signoria, sull’Arengario di Palazzo Vecchio, dove alle 21 si terrà il concerto per la cittadinanza della Filarmonica ‘Giacomo Puccini’ di Galciana (Prato) e della Filarmonica ‘Otello Benelli’ di Vergaio (Prato).
Questa sera alle 21 alle Oblate il sindaco Nardella inaugurerà l'opera simbolica 'Iter' in ricordo della Liberazione di Firenze e della Toscana. Il monumento di Nicola Rossini e Niccolò Vannucchi, è l’opera vincitrice del concorso rivolto agli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze e indetto dalla Federazione regionale Toscana delle associazioni antifasciste e della Resistenza e dell’assessorato alla cultura.

È stata progettata e realizzata nelle lingue attuali delle arti visive (scultura, fotografia, video), stabilendo un ponte effettivo tra generazioni diverse: i giovani artisti e i partigiani.

A finanziarla la Federazione regionale Toscana delle associazioni antifasciste e della Resistenza. Tra gli enti patrocinanti: Comune di Firenze, Federazione regionale Toscana delle associazioni antifasciste e della Resistenza, Anpi, Istituto storico della Resistenza in Toscana, Accademia delle Belle Arti di Firenze.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La polizia municipale ha diramato le fotografie di quattro biciclette recuperate al fine di individuarne i proprietari per la restituzione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità