Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE15°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 20 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zaccagni affitta l'Olimpico e con un rigore svela il sesso del figlio

Attualità venerdì 28 gennaio 2022 ore 19:29

Antico Spedale modello di recupero urbanistico

Impresa storica per Lastra a Signa che ha presentato il piano di recupero dell'Antico Spedale di Sant'Antonio. Può diventare un modello per la Toscana



LASTRA A SIGNA — Nel centro storico di Lastra a Signa c'è un edificio del 1400 realizzato dall’Arte della Seta che negli anni è stato ricovero dei pellegrini, orfanotrofio, chiesa e teatro ed oggi è al centro di un piano di valorizzazione che può diventare un modello da imitare per altre situazioni simili in Toscana e non solo. 

Tanti sono stati i cambiamenti di proprietà che sono succeduti nel tempo e che hanno causato anche modifiche sostanziali a porzioni del complesso dell'edificio che oggi è di proprietà del Demanio ma negli ultimi mesi il Comune di Lastra a Signa ne sta completando l’acquisizione grazie all’attuazione della legge 856/2010 del Federalismo Culturale, che consente di cedere tali beni alle amministrazioni a condizione che il Comune proponga al Demanio un progetto di valorizzazione che preveda il restauro ed il recupero dell’edificio e sua rigenerazione con un mix di funzioni per la comunità locale.

Nel progetto presentato dal Comune di Lastra a Signa l'Antico Spedale diventa un polifunzionale con spazi per il coworking, sale espositive, aule per la didattica e la formazione professionale per la promozione turistica del territorio con la sede dell’ufficio marketing e dell’ufficio turistico e sale per convegni

Il progetto, diviso in 4 lotti per un totale di oltre 4 milioni di euro, è stato illustrato questa mattina dal sindaco Angela Bagni insieme al vice sindaco Leonardo Cappellini, all’assessore al bilancio e patrimonio Massimo Lari e all’assessore ai lavori pubblici e urbanistica Emanuele Caporaso e dalla direttrice dell’Its Mita Antonella Vitiello. Con loro i funzionari Luca Betti e Leonora Biotti che si sono occupati, insieme ai tecnici, di redigere il progetto. Si prevede di realizzare i 4 lotti di restauro e recupero funzionale previsti dal progetto in un periodo di circa 10 anni dal 2022 al 2032.

“Un progetto che restituirà la giusta importanza a questo edificio - ha spiegato il sindaco Angela Bagni -, una grande sfida per la nostra amministrazione che con questa operazione vuole raggiungere l'obiettivo di riqualificare e valorizzare tutto il centro storico. Con la nostra idea progettuale e con le nuove destinazioni che andremo ad inserire al suo interno vogliamo che lo Spedale torni ad essere frequentato e vissuto soprattutto dalle nuove generazioni e conosciuto e apprezzato dal punto di vista storico, culturale e architettonico”.

“Quella impegnata per questo progetto è una delle cifre più importanti mai stanziate dalle amministrazioni che si sono succedute alla guida del nostro Comune - ha spiegato l’assessore al bilancio Massimo Lari -, abbiamo già inserito in bilancio le cifre necessarie per finanziare il 1° lotto e dal 2026 saranno stanziate le somme necessarie per finanziare gli altri 3 lotti. Rivitalizzare questo luogo sarà importante per rilanciare questa zona della città dal punto di vista economico, sociale e culturale”.

Il piano di valorizzazione prevede il restauro ed il miglioramento strutturale dell’intero complesso che comprende tutto il piano terra e il piano superiore, la realizzazione delle opere impiantistiche ed edili necessarie per rendere da subito l’edificio adeguato alla normativa vigente, una nuova apertura coperta da pensilina direttamente accessibile da piazza Garibaldi, necessaria per rendere tutte le parti dell’edificio collegate funzionalmente e in modo complementare tra di loro.

Le destinazioni previste all’interno dell’edificio sono quelle a carattere museale e per la convegnistica, la formazione e promozione territoriale e turistica al piano terra e piano mezzanino e per quanto concerne il piano superiore gli spazi saranno destinati alla creazione di un polo destinato al coworking.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Domani possibili ritardi e cancellazioni. Autolinee Toscane: "La regolarità del servizio dipenderà dal grado di adesione allo sciopero"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità